Daria Bignardi fuori dalla Rai con fair play. Ma per gli amici «lei è sotto choc»

Daria Bignardi lascia la direzione di Rai3. La notizia, che era già circolata come indiscrezione, ora è stata resa ufficiale dalla stessa Rai, con un comunicato in cui si parla di «risoluzione consensuale del rapporto di lavoro in corso con Daria Bignardi, la quale ritiene ormai concluso il proprio percorso lavorativo nella società».

La Rai: «Risoluzione consensuale»

L’addio, dunque, viene presentato all’insegna del fair play, con tanto di ringraziamenti da parte dell’azienda e bel gesto da parte della Bignardi che, fa sapere la Rai, «non ha richiesto il pagamento di alcuna buonuscita», mentre Dagospia, che aveva anticipato la notizia, aveva parlato di una trattativa in corso. La ex direttrice di Rai3, dal canto suo, ha rivolto ringraziamenti ai vertici dell’azienda e parlato di «un’esperienza unica e preziosa». 

Ma gli amici dicono: «È sotto choc»

Da tempo si parla di una volontà della Bignardi di lasciare la rete, complice anche quello stato d’ansia cronico diventato oggetto del libro Storia della mia ansia, pubblicato a gennaio di quest’anno per Mondadori. I bene informati, però, raccontano di una Bignardi che ora sarebbe «leggermente sotto choc» e prima «vittima dell’era di Mario Orfeo». A scriverlo è Affariitaliani.it che, anticipando la notizia dell’ufficializzazione, ha citato come fonti «amici» della ex direttrice di Rai3. Il suo lavoro, riferisce ancora la testata online, sarebbe stato giudicato dal nuovo dg della Rai, Mario Orfeo, appena «sufficiente» e da qui sarebbe arrivata la «risoluzione del rapporto di lavoro». Di un ruolo giocato dal alcuni «fallimenti», come la cancellazione di Ballarò o il cambio alla conduzione di programmi come Amore criminale e Il Tempo e la storia, ha parlato anche Dagospia.  Una versione di come sono andate le cose completamente diversa da quella offerta dal comunicato ufficiale dell’azienda, in cui invece alla Bignardi viene riconosciuto di aver realizzato «una programmazione di qualità, la sperimentazione di nuovi format» e il raggiungimento di «livelli di audience che la posizionano quale terza rete generalista italiana». 

Daria Bignardi a La7 e Lucia Annunziata a Rai3?

E ora l’attenzione è tutta su come si sistemeranno i pezzi del puzzle: cosa farà Daria Bignardi? E chi prenderà il suo posto a Rai3?Anche se allo stato attuale va considerato alla stregua di illazioni o poco più, il toto-nomine è già partito. Bignardi, si dice, avrebbe già numerose offerte, fra le quali quelle di Sky e quella, valutata come scelta più probabile, di La7. Quanto a Rai3, invece, l’Huffington Post rivela che il suo posto sarà preso dall’attuale vicedirettore, Stefano Coletta. Ma c’è chi è pronto a scommettere che il “tecnico” possa essere presto sostituito con un nome di “ritorno”: quello di Lucia Annunziata.