“Accogli un rifugiato”. Ora chiedono agli italiani di ospitare i migranti a casa

Si chiama “Open homes” ha come slogan “Accogli un rifugiato” e ha come obiettivo quello “offrire una sistemazione temporanea a profughi già titolari di protezione internazionale”, invitando i proprietari di case a cederle gratuitamente. 

Accogli un rifugiato: il sindaco Sala sollecita i milanesi

Il progetto, lanciato sulla piattaforma di turismo online Airbnb, ha già visto l’adesione di amministrazioni locali e di enti istituzionali. A cominciare dal sindaco di Milano, Giuseppe Sala, che ha già sollecitato i suoi concittadini ad aderire all’iniziativa. Il Comune di Milano ha anche sponsorizzato formalmente la campagna del colosso del turismo in Rete. Anche nella Capitale la Comunità di San’Egidio ha prontamente rilanciato la campagna invitando i romani a fare altrettanto.  

Accogli un rifugiato: la campagna lanciata da Airbnb

Airbnb consentirà a chiunque di registrarsi su Open Homes e di impostare le modalità della sua partecipazione (indicando giorni di disponibilità dell’abitazione o numero di persone da ospitare) per dare un tetto in modo gratuito a chi ne ha bisogno.

Accogli un rifugiato: i rischi della campagna

«Quest’iniziativa di Airbnb sponsorizzata dal Comune di Milano appare pericolosa e da approfondire – denuncia Fabio Rolfi, vice capogruppo della Lega Nord al Pirellone – non vorremmo che l’invito a mettere a disposizione appartamenti e seconde case per i profughi diventasse la scusa per dar vita a microcentri di accoglienza a macchia di leopardo sul territorio milanese, che condividono lo stesso pianerottolo con ignari cittadini, non a conoscenza della cosa fino a giochi fatti».

Accogli un rifugiato: a chiederlo è un miliardario californiano

Joe Gebbia, cofondatore di Airbnb, il sito che ha lanciato la campagna umanitaria, è un campione dei liberal americani. Bandisce dall’iscrizione al suo portale i proprietari “omofobi” ed è stato grande sponsor di Barack Obama e di Hillary Clinton. Secondo l’ultima classifica di Forbes, Gebbia vanta un patrimonio di 3,3 miliardi di dollari. Una somma sufficiente a sistemare tutti i rifugiati che arrivano in Italia, in hotel a 5 stelle. Ma i testimonial della sinistra di tutto il mondo insegnano: predicare la solidarietà è molto è più facile che praticarla.