Napoli, scarafaggi all’ospedale San Giovanni Bosco: la rabbia dei pazienti

Non solo le zanzare, ma scarafaggi tra i medicinali nel pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli. L’immagine che vediamo sul sito del Mattino di Napoli è agghiacciante. È quanto ha potuto constatare, nel corso di un’ispezione effettuata la scorsa notte, il consigliere regionale dei Verdi Francesco Borrelli. «Nel pronto soccorso – ha raccontato – accanto ai medicinali su un bancone c’erano degli scarafaggi». Oggi l’incontro con il direttore sanitario dell’ospedale Luigi De Paola. «Il problema – leggiamo – è che la maggior parte delle volte le ditte aggiudicatrici delle gare d’appalto per le pulizie non rendono il servizio così come dovrebbero». Era stato già  denunciata una massiccia presenza di zanzare nella struttura ospedaliera ed era stata fatta un’ispezione. L’ultimo intervento, in questo senso, è datato 14 giugno scorso. La necessità di una ulteriore disinfestazione completa è stata comunicata e richiesta, sempre in via ufficiale, 5 giorni fa. Nel frattempo, qualche giorno fa, c’era stata un’altra segnalazione: formiche nel letto di una paziente in un’altra struttura sanitaria, l’ospedale San Paolo di Napoli

Oggi la disinfestazione: la rabbia dei pazienti

Nel pomeriggio finalmente  è in programma la disinfestazione generale dell’ospedale San Giovanni Bosco, come ha reso noto la direzione. Intanto contro le zanzare le prime 5 zanzariere  saranno montate oggi. Complessivamente saranno circa 180 le zanzariere che saranno installate dopo l’allarme lanciato da parenti degli ammalati. Per l’aria condizionata che non funziona all’interno del pronto soccorso, invece, la struttura “non è ancora collaudata”. Un compito che spetta alla ditta costruttrice, òeggiamo su Repubblica. Nonostante questo, “il pronto soccorso è in funzione”. “La Asl dovrebbe contattare la ditta dei lavori – spiegano alla direzione – per procedere al collaudo e alla consegna”. “È stata chiesta un mese fa una ispezione igienico-sanitaria – sottolineano dalla direzione – siamo in attesa di risposte”. Il solito rimpallo burocratico. Intanto la situazione ha rischiato di degenerare e le scene a cui si è assistito non sono degne di u paese civile. 

«È  una vergogna che un ospedale sia ridotto in condizioni simili”. “Manca igiene qua dentro – sottolineano i parenti dei degenti – ma essendo un ospedale dovrebbe essere un posto pulito in ogni minimo dettaglio”. Tra i parenti dei ricoverati e i pazienti, è, infatti, opinione comune che l’offerta medico-sanitaria sia più che buona al San Giovanni Bosco.. “C’è molta umanità, disponibilità e pazienza – raccontano – da parte degli infermieri e dei medici. Bisogna fare qualcosa per queste zanzare ed evitare che gli scarafaggi arrivino anche in altri reparti”. Ancora: “D’accordo il caldo, va bene che è un problema diffuso, ma non è ammissibile che ciò accada all’interno di un ospedale. Rischiamo che i nostri parenti ricoverati qui per un problema se ne trovino con tanti altri”