A trent’anni dalla morte, Trieste commemora Almerigo Grilz

Domani, venerdì 19 maggio, con inizio alle ore 11, nella Sala del Consiglio Comunale di Trieste (piazza dell’Unità 4, 1° piano), si svolgerà una cerimonia pubblica in ricordo di Almerigo Grilz, già consigliere comunale dal 1982 al 1985, a 30 anni dalla morte (Mozambico, 19 maggio 1987).

Interverranno a rievocare la sua figura di giornalista ed ex consigliere, il presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Friuli Venezia Giulia Cristiano Degano, i “colleghi d’Aula” di allora Sergio Dressi e Sergio Giacomelli, Roberto Menia, Fulvio Sluga, lo storico e ricercatore Andrea Vezzà e i giornalisti Gian Micalessin e Marco Valle.

Sempre domani (venerdì 19 maggio) alle ore 18.30, al Civico Museo della Guerra per la Pace “Diego de Henriquez”, in via Cumano 22, verrà inoltre inaugurata la mostra fotografica e documentaria “Gli Occhi della Guerra”, anch’essa in memoria di Almerigo Grilz, primo reporter italiano caduto su un campo di battaglia dalla fine del Secondo conflitto mondiale. L’esposizione, realizzata con il contributo del Comune di Trieste, proporrà immagini “in prima linea” dal 1982 al 2017, dalle guerre di ieri ai conflitti di oggi in Libia, Siria e Iraq.
Oltre alle foto scattate da Grilz nel corso della sua breve ma intensa attività in Afghanistan, Etiopia, Filippine Mozambico, Iran, Cambogia e Birmania (ma vi saranno anche documenti, pagine dei suoi diari e altre testimonianze sulla sua vita), la mostra comprende le immagini, foto e video, realizzate dopo la sua morte dai suoi amici e compagni d’avventura Fausto Biloslavo e Gian Micalessin. Un’esposizione unica in Italia e completamente rinnovata, con novanta pannelli su 35 anni di reportage, dall’invasione israeliana del Libano del 1982 fino al caos della Libia di oggi, la terribile guerra in Siria e la sanguinosa battaglia di Mosul. La mostra è stata inserita nel percorso museale della collezione “Diego de Henriquez” e rimarrà aperta fino al 3 luglio, nell’orario del Museo (lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì 10-17; sabato e domenica 10-19; chiuso il martedì). All’inaugurazione interverrà per l’Amministrazione l’Assessore alla Cultura Giorgio Rossi.