Il Veneto protesta: siamo la regione più colpita dalla sanzioni Ue alla Russia

Il Veneto è una delle realtà economiche maggiormente danneggiate dai regimi sanzionatori reciprocamente adottati dal 2014 tra l’Unione Europea e la Russia. Le imprese venete hanno registrato, specialmente in alcuni settori produttivi, perdita di esportazioni, calo delle produzioni, ricadute sull’occupazione con licenziamenti, difficoltà nella gestione delle aziende e nel riorientamento verso altri mercati. Alleviare questa situazione con proposte concrete da avanzare al Presidente del Consiglio dei Ministri è la finalità principale del Comitato regionale sulle problematiche delle sanzioni alla Russia che si è riunito oggi per la prima volta a Palazzo Balbi a Venezia sotto la presidenza dell’assessore regionale allo sviluppo economico Roberto Marcato, su delega del presidente Luca Zaia. Tra il 2013 e il 2016, per l’effetto combinato delle sanzioni e della svalutazione del rublo conseguente al crollo del prezzo del petrolio, le esportazioni venete verso la Russia sono crollate soprattutto nei settori agroalimentare (oltre il 50% tra 2013 e 2016), comparto moda, meccanica, arredamento.

Il Veneto ha perso molte quote di export e di mercato

Nel 2016, comunque, grazie alla svalutazione dell’euro e all’apprezzamento del rublo, si registra una lieve ripresa degli scambi commerciali, sia export (+ 3,4%), che import (+4,4%). ”Che il tema sia molto sentito – ha sottolineato Marcato – è dimostrato dalla presenza al gran completo di tutte le componenti del mondo economico, sindacale e delle università che hanno condiviso la preoccupazione nei confronti delle sanzioni che sono state e continuano a essere un problema enorme per il Veneto. Il danno infatti non si traduce solo nel calo dell’export, ma anche nella difficoltà di recuperare le quote di mercato che sono andate perse. Il Veneto, che è la regione che meglio sta uscendo dalla crisi economica in termini di Pil e di tasso di disoccupazione, di tutto ha bisogno fuorché di sanzioni e controsanzioni, che stanno gravando solo sulle nostre imprese, rispetto ad un mercato strategico come quello russo”. La Regione del Veneto aveva chiesto per prima fin dal 2014, di riconsiderare tale regime, con risoluzioni del Consiglio regionale e deliberazioni della giunta sulle conseguenze negative per il tessuto economico-sociale veneto. Oggi tutti hanno condiviso l’utilità di questo tavolo tecnico, destinato a dare supporto alla Regione, con l’avvio di una dettagliata mappatura dei danni finora riscontrati, per interloquire con il governo attraverso un confronto che porti alla modifica radicale di queste sanzioni. Il tavolo sarà riconvocato a breve. Al termine è stato osservato un minuto di silenzio per ricordare le vittime dell’attentato di ieri a San Pietroburgo.