Dagli schiaffi al timpano rotto, l’ex di Muccino racconta: «Era un violento»

Elena Majoni, classe ’74, ex violinista è anche l’ex moglie del regista Gabriele Muccino. Quello dell’Ultimo bacio e del delicato La ricerca della felicità. Ma come si legge sul Corriere della Sera in questa storia non c’è nulla né di rosa né di delicato. Gabriele Muccino ed Elena, riporta il quotidiano di Milano, erano ancora sposati quando  il marito dopo un schiaffo le ruppe il timpano. «L’episodio è avvenuto mentre eravamo in vacanza d’estate in Toscana a seguito di un banale diverbio – racconta Elena al Corriere – Gabriele mi ha dato uno schiaffo a mano aperta. Mi sono recata a Roma al pronto soccorso e successivamente ho sporto denuncia. Prima di denunciare ho sopportato troppo». 

Gabriele Muccino e il racconto dell’ex moglie

Però, si legge sempre sul Corriere, Silvio Muccino, fratello minore di Gabriele, unico testimone, dice al giudice che non è vero niente. Vuole proteggere Gabriele e il nome della famiglia Muccino. Elena non viene creduta. Sono anni duri. Elena Majoni racconta al Corriere quella lunga sofferenza: «A seguito di quell’episodio la cui verità è stata volutamente occultata durante il processo di separazione, Gabriele Muccino ha cavalcato l’onda mediatica definendomi come arrampicatrice sociale con la sola finalità di ottenere soldi e pubblicità e sostenendo come io rivelassi menzogne. E affermava questo nonostante la certificazione medica che espressamente riconduceva la rottura a uno schiaffo di tale forza da rendere necessario un intervento chirurgico che a tutt’oggi mi ha lasciato un evidente cicatrice. È altrettanto evidente che il mio ex marito abbia avuto con me un atteggiamento talmente violento da arrecarmi un danno che ha pregiudicato non solo la mia carriera di violinista ma anche il mio quotidiano».

Anni duri e la testimonianza di Silvio Muccino

Elena, si legge ancora sul Corriere, si chiude nel silenzio e decide che preferisce tutelare suo figlio e sperare che un giorno le sia resa giustizia. Silvio dopo anni di infinite tribolazioni, ritratta la versione dei fatti resa al giudice tempo prima. E lo fa anche in una sofferta intervista televisiva resa a Massimo Giletti, nell’Arena del 2016. Il Corriere riporta che Silvio dice la verità: Gabriele è violento, e ha dato davvero quello schiaffo tremendo a Elena. Elena ha la sua rivincita. Ottiene perfino l’affidamento esclusivo del figlio. «Silvio ha sempre sofferto molto per quella testimonianza. Che poi è uno dei motivi principali per cui ha rotto con la sua famiglia – racconta ancora Majoni al Corriere – Conoscendolo sapevo che prima o poi avrebbe fatto emergere la verità. E il suo gesto, a mio parere, è stato importante sia ai fini giudiziari che per la mia personale credibilità».