Blitz della polizia al Casilino: da una fessura nel muro esce fuori di tutto

Hanno operato in condizioni difficili. Difficilissime: eppure il bilancio con cui si è conclusa l’operazione – articolati in più servizi – degli agenti del Commissariato Casilino, diretto da Pasquale Fiocco è a dir poco soddisfacente: due pusher arrestati, 50 grammi di hashish, 45 di cocaina e 10 di marijuana sequestrati, oltre ad una bomba a mano risalente alla seconda guerra mondiale, in perfetto stato, rinvenuta in uno stabile perquisito.

Blitz della polizia: arrestati 2 pusher, sequestrata molta droga

Tutto è cominciato dall’attenzione rivolta dagli investigatori e andata a concentrarsi sulla piazza di spaccio di via Giovanni Battista Scozza, a Tor Bella Monaca, luogo difficile in cui operare in quanto ad alta densità abitativa. Proprio per questo, allora, gli agenti hanno deciso di far sostare in appostamento solo due colleghi, mentre il resto del gruppo è rimasto a distanza, pronto a passare all’azione. Per ben tre volte gli agenti schierati hanno constatato l’arrivo di “clienti” ed il conseguente scambio droga-danaro, segnalando poi quanto rilevato ai colleghi i quali, fermando a distanza gli acquirenti, li hanno trovati in possesso dello stupefacente appena acquistato.

Un buco nel muro nasconde un nascondiglio che…

È scattato quindi il blitz, ed i due pusher sono stati fermati e trovati in possesso di dosi di hashish e cocaina e di una cospicua somma di denaro contante. Una perquisizione effettuata nei pressi, ha consentito inoltre di individuare il nascondiglio dello stupefacente un foro nel muro seminascosto da una soglia, dove sono state rinvenute numerose dosi di cocaina e di hashish. La perquisizione è stata estesa anche ai lavatoi, dove sono state rinvenute ulteriori dosi di hashish e di marijuana e, nascosta in una scatola, una bomba a mano risalente alla seconda guerra mondiale, che gli artificieri intervenuti hanno constatato essere perfettamente funzionante. Condotti negli uffici del Commissariato, al termine B.C., di 45 anni eN.A., di 19, entrambi di Roma, sono stati arrestati: ora dovranno rispondere di spaccio di stupefacenti.