«Troppe foglie a terra, a Roma si scivola»: il Codacons chiede i danni alla Raggi

Anche gli elementi della natura, acqua, fuoco e vento, in queste settimane tramano contro Virginia Raggi, alle prese con la tramontana che fa crollare gli alberi, le minacce di nevicate in stile Alemanno-spalatore e per finire anche un’invasione di foglie cadute dagli alberi e mai rimosse. Un problema serio, secondo le associazioni dei consumatori, che si spingono al punto da annunciare una richiesta di risarcimento del danno. «I cittadini rischiano di scivolare!».

Il Codacons all’attacco della Raggi

Ad intentare la singolare causa è il Codacons, associazione che più volte negli ultimi anni ha chiesto all’amministrazione di adottare provvedimenti per la rimozione del fogliame il quale, in caso di pioggia e maltempo, “si trasforma in un pericolo per l’incolumità degli utenti e per la sicurezza dei trasporti, provocando cadute e incidenti”. «Oggi Roma, con il forte vento che ha sferzato la città, si ritrova sommersa dalle foglie, che hanno ricoperto strade e marciapiedi – spiega il presidente Carlo Rienzi – Addirittura gli androni dei palazzi sono invasi dal fogliame e nessuno interviene, costringendo
gli inquilini a ricorrere a scope e rastrelli per eseguire quei lavori di pulizia e rimozione che spetterebbero all’Ama e al Servizio Giardini. Una situazione, quella descritta, che coinvolge anche il palazzo dove ha sede il Codacons in viale delle Milizie 9,il cui ingresso è un tappeto di foglie». Ed ecco che l’associazione dei consumatori ha deciso di intentare una causa contro il Comune di Roma, finalizzata ad ottenere il risarcimento dei “danni da fogliame” subiti dagli abitanti
dello stabile, costretti a sostituirsi all’amministrazione utilizzando il proprio tempo e la propria fatica per svolgere un compito che spetta all’Ama.

Una causa ad personam che potrebbe trasformarsi presto in una class action…