Studente suicida all’Università Suor Orsola di Napoli (video)

Si è appoggiato di schiena al muretto e s’è lanciato andare giù, all’interno dell’Università Suor Orsola Benincasa che si trova su una delle vie principali che collega la zona alta e la zona centrale di Napoli, il corso Vittorio Emanuele. Uno studente, Fulvio Romano, 27 anni a febbraio, si è con tutta probabilità suicidato precipitando da un balcone ed è morto sul colpo una volta atterrato. Il volo, di 15/20 metri, si è concluso in un cortiletto interno. Lo studente era iscritto al corso di Scienze e tecniche di psicologia cognitiva. Le attività didattiche del Suor Orsola (nella foto) sono state sospese in segno di lutto, provedimento disposto dal Senato accademico appresa la notizia del probabile suicidio.

“Sgomento e cordoglio” sono i sentimenti espressi “dall’intera comunità accademica dell’Università Suor Orsola Benincasa, profondamente colpita dalla tragica scomparsa”. Il 27enne era studente del corso di laurea triennale in Scienze e tecniche di psicologia cognitiva e aveva brillantemente sostenuto, anche con una lode, 6 dei 7 esami previsti dal primo anno di corso. Questa mattina, fa sapere l’Università Suor Orsola Benincasa, il giovane non era coinvolto in alcuna attività accademica, non aveva problemi di profitto: era in regola con gli esami, tutti superati con discreti voti. Oggi non erano in programma esami. La famiglia dello studente è stata accolta dal rettore Lucio d’Alessandro e dalla professoressa Antonella Gritti, docente del corso di laurea in Scienze e Tecniche di Psicologia cognitiva.