Napoli, sui treni della Circumvesuviana continue aggressioni. L’Eav: è guerra

Si registra ancora un’aggressione su un treno della Circumvesuviana. Sono episodi che si ripetono ogni volta che il personale in servizio tenta di far rispettare le regole. Ai primi di gennaio un senegalese aveva preso a schiaffi il controllore che gli aveva chiesto di esibire il biglietto. A dicembre episodio analogo: calci e pugni al controllore da parte di chi era sprovvisto di biglietto.

Macchinista ferito 

E si arriva alla vicenda odierna: un macchinista in servizio su un treno della Circumvesuviana è rimasto leggermente ferito a seguito della rottura di un vetro della cabina di guida causata da un gruppo di ragazzini, sorpresi senza biglietto, nella stazione di Portici (Napoli). A darne notizia l’Eav, holding dei trasporti della Regione Campania che gestisce la linea ferroviaria Circumvesuviana. I giovani, fa sapere l’Eav, sono stati fermati e identificati dai carabinieri.

L’Eav: dipendenti a rischio 

“Bene così – dichiara l’azienda – ma vi siano provvedimenti severi a carico delle baby gang altrimenti la nostra battaglia non serve a nulla”. L’azienda ricorda che “ieri un controllore è stato picchiato perché chiedeva il biglietto e una guardia giurata è stata ferita”. Si tratta di “una guerra – conclude l’azienda – lo ripetiamo da tempo. Il lavoro dei nostri dipendenti esposti in prima linea merita rispetto e considerazione”.