Marine Le Pen “abbraccia” Trump: “Il 2017 sarà l’anno dei popoli europei”

L’onda della Brexit e dell’elezione di Donald Trump si è abbattuta ieri sulle rive del Reno, dove a Coblenza si sono radunati i partiti della destra europea anti-immigrazione e anti-euro, nella speranza che, al “risveglio” dei maggiori Paesi anglosassoni nel 2016, segua nel 2017 quello dell’Europa, come ha detto la leader del Fronte nazionale francese, Marine Le Pen, la vera star della giornata. Se l’occasione era celebrare l’insediamento alla Casa Bianca di Trump, che ha elogiato l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea e auspicato che altri Paesi la seguano, l’attenzione dei convenuti è concentrata sui prossimi voti in Europa, apartire da quello di marzo in Olanda, di aprile-maggio in Francia, di settembre in Germania, a possibili elezioni in Italia, si legge su “il Sole 24 Ore“.
 
Le Pen guarda con attenzione a Brexit e Trump
 
La linea comune dei partiti che al Parlamento europeo aderiscono al gruppo Enf, l’Europa delle nazioni e della libertà, si impernia sull’opposizione all’immigrazione, soprattutto musulmana, e l’avversione all’euro. Ieri per la prima volta hanno mostrato in una manifestazione congiunta che i nazionalisti puntano anche su un movimento internazionale per sovvertire l’ordine costituito in Europa. Geert Wilders, il capo del Pvv olandese, che con Trump condivide anche l’acconciatura, e che è in testa nei sondaggi d’opinione, ha scaldato la folla sostenen do che «il patriottismo è la politica del futuro» e, citando il neopresidente americano, che «questo sarà l’anno del popolo». Le citazioni di Trump si sono sprecate.
 
Le elezioni francesi decisive per la UE
 
Il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, ha spiegato, in inglese, che «ci riprenderemo i nostri posti di lavoro, i nostri confini, la nostra ricchezza, ci riprenderemo il nostro futuro e i nostri sogni». Marine Le Pen ha affermato che «finora abbiamo combattuto individualmente, ora combatteremo insieme». Per Le Pen, Brexit può essere l’inizio di un “domino” in Europa. «Ieri la nuova America – ha detto Wilders – oggi Coblenza, domani una nuova Europa». Secondo il capo del Pw, «le donne olandesi non possono più mostrare i loro capelli biondi per le strade».