Litiga col marito e va via di casa: rischia di morire nella neve

I toni si fanno sempre più concitate, le parole pesanti. Le urla prendono il posto delle argomentazioni ragionevoli e la rabbia ha la meglio sulla capacità di decidere. Così, dopo un furioso litigio con il marito, una donna prende la porta di casa e se la lascia alle spalle: si ricostruiraà solo in un secondo momento, però, senza sapere dove andare…

Litiga col marito e se ne va via di casa

In preda al furore, insomma, la 45enne protagonista – e quasi vittima – di questa incredibile vicenda, forse non ha una meta da raggiungere: sa solo che deve e vuole allontanarsi dalle urla, dalla lite, dallo scontro. È per questo che si allontana da casa avventurandosi non sa bene dove, fino ad arrivare al punto di rischiare di morire nella neve dell‘Alta Baronia, nei pressi di Ariano Irpino (Avellino). La donna, fortunatamente, è stata salvata dai Carabinieri che hanno raccolto la denuncia presentata dal marito il quale, giovedì mattina, in stato di evidente agitazione dettata dal timore che la moglie avrebbe potuto commettere qualcosa di grave, ne aveva denunciato la scomparsa. Considerata la gravità della situazione – resa ancor più problematica dal freddo e dalla neve che fiocavva copiosamente – per rintracciare e poter mettere al sicuro la donna scomparsa è stata attivata un’imponente attività di ricerca e di indagine condotta dai Carabinieri e da personale di altri reparti speciali. 

Trovata in un bosco, riversa nella neve

Le operazioni di ricerca sono state particolarmente difficili non solo per le avverse condizioni meteorologiche,ma anche per l’asperità dell’area al cui interno la donna si era improvvidamente addentrata. E così, quando nel pomeriggio la 45enne è stata rintracciata all’interno di un bosco dell’Alta Baronia, riversa nella neve ed in stato di semi incoscienza, tutti hanno tratto un sospiro di vero sollievo: ancora qualche ora e forse per la donna le cose avrebbero potuto davvero volgere al peggio. Per fortuna – e grazie alla tempestività e bravura degli agenti intervenuti – così non è stato: la donna, soccorsa prima dai militari e successivamente dai sanitari del 118, ha ripreso conoscenza ed è stata trasferita con un’ambulanza all’ospedale di Ariano Irpino. Dove avrà modo – e condisioni più salubri – per riflettere su quanto avvenuto…