Referendum, Brunetta: «Il No potrà arrivare anche al 60%»

“I sondaggi danno il no oltre il 55%, penso che potremo arrivare al 60%, sarà un giudizio sul cattiva politica del governo Renzi, che non ha fatto niente per la gente”. Lo ha detto il capogruppo di Forza Italia alla Camera, Renato Brunetta,  stasera a Genova all’evento su ‘Le Ragioni del no’ al referendum costituzionale organizzato dalla Fondazione Change lanxiata dal governatore ligure Giovanni Toti. “L’Italia è il fanalino di coda d’Europa: bassa crescita, alto deficit, alto debito, isolati dal mondo, è l’Italia di Renzi. Con la vittoria al referendum diremo no alla riforma costituzionale, no alla riforma dell’Italicum e soprattutto no a Renzi”, ha osservato Brunetta, sottolineando che “il fronte del no è amplissimo, come devono essere i fronti referendari, nella Costituente Togliatti e De Gasperi erano un fronte ampissimo, si chiamava arco costituzionale, siamo la stessa cosa a difesa della Costituzione”. Così ha concluso Brunetta: “Governare è un’altra cosa, governerà il centrodestra, non governerò mica con sinistra italiana e loro non vogliono governare con me, ma difendiamo la Costituzione insieme come Togliatti e De Gasperi nel 1947”.