La denuncia di Gasparri: “Delegato Cocer dei Carabinieri fa propaganda per il sì”

La segnalazione arriva da Maurizio Gasparri, che sulla vicenda ha anche presentato un’interrogazione parlamentare. «È inaccettabile – denuncia il senatore di Forza Italia – che un delegato sindacale del Cocer Carabinieri faccia propaganda per il Sì al referendum costituzionale e soprattutto che colleghi l’esito del referendum alle risorse che il governo dovrebbe destinare al comparto sicurezza-difesa. Ho presentato un’interrogazione per far luce su quanto pubblicato su un sito online e sul profilo facebook dal delegato Cocer Vincenzo Romeo, che non solo ha lungamente invitato a votare Sì, ma ha anche subordinando questa vittoria all’attuazione di una serie di riforme che le forze armate e le forze di polizia stanno aspettando da anni». «Le parole di Romeo – afferma Gasparri – violano l’art. 1483 del Codice dell’ordinamento militare per cui ai militari è fatto divieto, tra l’altro, di svolgere propaganda politica. Ma è ancora più grave che egli abbia sostenuto che solo la vittoria del Sì sia garanzia di riordino delle carriere, rinnovo dei contratti e più soldi in busta paga. È incredibile che si possa pensare una cosa del genere e soprattutto che queste affermazioni giungano da un militare. Va fatta chiarezza subito. Chiedo – conclude Gasparri – interventi immediati nei confronti di questo delegato Cocer che diffonde informazioni false e fa propaganda politica in spregio alla legge».