Trump non affonda il colpo e Hillary respira: decisivi i prossimi confronti

Il primo faccia a faccia tra Donald Trump e Hillary Clinton finisce in sostanziale parità. Anche se i sondaggi lampo effettuati dai principali media americani dicono che Hillary l’avrebbe spuntata. Ma, se di vittoria si tratta per la candidata democratica, e’ solo una vittoria ai punti. Perche’ nel corso dei 90 minuti di serrato confronto, senza neanche una pausa, nessuno dei due candidati e’ realmente prevalso sull’altro. I due pretendenti alla Casa Bianca si sono scontrati su economia, sicurezza, politica estera, questione razziale, confermando due visioni opposte sul futuro da costruire per l’America. Ma entrambi hanno evitato di alzare eccessivamente i toni. Nessuno ha azzardato il colpo del ko. Troppa la paura di sbagliare. Per giocare l’affondo finale c’e’ ancora tempo, altri due dibattiti il 9 e il 19 ottobre. A regalare qualcosa in piu’ all’ex segretario di stato – e non potrebbe essere diversamente – e’ stata la sicurezza mostrata nel confronto sulla politica estera, con un Trump piu’ vago. Ma il merito del tycoon e’ stato senza dubbio quello di mostrare un autocontrollo senza precedenti. Davanti alle telecamere piazzate alla Hofstra University, nel corso di una diretta seguita da 100 milioni di telespettatori, e’ andato in onda un Trump mai cosi’ ‘presidenziale‘. Un punto a favore questo, che liquida tutti i pregiudizi sul tycoon e di chi lo considera inadatto a governare a causa del suo temperamento imprevedibile. Ma – rovescio della medaglia – un Trump senza l’arma della provocazione e del politicamente scorretto ha reso la serata piu’ agevole per Hillary Clinton, mai messa seriamente sotto pressione e in grado di gestire la situazione con grande serenita’ e sicurezza. Un sospiro di sollievo alla fine della serata tra i responsabili della sua campagna, visto che era proprio la ex first lady che tra i due sfidanti aveva piu’ da perdere. La resa dei conti finale, dunque, e’ rinviata. Per la cronaca Trump, completo blu notte e cravatta blu elettrico, accusa Barack Obama e Hillary Clinton di aver lasciato un’America senza leadership e di aver prodotto quel “disastro” in Medio Oriente che ha dato vita all’Isis. L’ex first lady, in ‘total red‘, ha accusato il tycoon di aver fatto i soldi con la crisi immobiliare del 2008 e di voler nascondere la propria denuncia dei redditi: “Forse non e’ cosi’ ricco come dice“. È l’America. E non c’è da stupirsi più di tanto se questa può essere considerata un’accusa.