Saldi al via: Confcommercio prevede una spesa pro capite di 100 euro

Saldi al via. Da domattina.  Per chi se lo potrà permettere, ovviamente. Comunque, da domani, sabato 2 luglio, partono in tutta Italia i saldi estivi. Saldi in tono minore. Nonostante le balle e l’ottimismo di Renzi, gli italiani ancora sono guardinghi. E fanno bene, perchè la crisi persiste e soldi da spendere ce ne sono pochi. Secondo le stime dell’Ufficio Studi di Confcommercio, la spesa sarà in media di 100 euro a persona, in leggero aumento dai 98 euro del 2015, e di 232 euro a famiglia. Il valore complessivo si manterrà intorno ai 3,6 miliardi di euro. Per la prima volta l’avvio dei saldi risponde alla richiesta di Federazione Moda Italia di avere una data unica a livello nazionale anche per evitare distorsioni della concorrenza. “Speriamo che le tante chiacchiere, l’agitazione e le molte ansie create intorno alle conseguenze della Brexit – afferma il presidente di Federazione Moda Italia e vicepresidente di Confcommercio, Renato Borghi – non vadano a penalizzare un clima di fiducia delle famiglie italiane che già non è al massimo. I consumi ancora deboli in stagione e le condizioni meteo non favorevoli hanno determinato una forte disponibilità di ‘invenduto’. Per questo i consumatori avranno ampia possibilità di scelta”. Saldi in tono minore. In attesa di tempi migliori.