Matteo Renzi arriva a Taranto e subito scoppia la rivolta (video)

FacebookPrintCondividi

Insulti. Accuse. Gridia di rabbia e urla di disperazione: è stata una contestazione davvero accesa quella che ha accolto l’arrivo di Matteo Renzi a Taranto, dove è arrivato in mattinata per l’inaugurazione del nuovo allestimento del Museo Archeologico Nazionale della città (Marta) che, tra i suoi tesori, annovera la Tomba dell’Atleta – sarcofago che contiene i resti di un atleta che partecipò alle Olimpiadi dell’Antica Grecia – e diversi reperti dell’era ellenica e pre-ellenica. ma di tutto si è parlato, in piazza o meglio, contro di tutto si è urlato inpiazza, meno che della tutela dei beni archeologici e museali della città…

Renzi arriva a Taranto: ed è subito rivolta

Un’accoglienza decisamente irriverente, quella riservata al premier da un nutrito gruppo di manifestanti, che ha protestato con toni accesi vicino al polo museale cittadino dove si è da poco conclusa la visita del premier e del ministro della Cultura, Dario Franceschini e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti.. E chi si aspettava – cerimoniale a parte – il plauso della folla, è rimasto seriamente deluso: dalla piazza, infatti – gremita di gente comune, di disocuppati riamasti a bocca asciutta anche dopo i tanto decantati prodigi del Jobs Acrt, di esponenti di varie associazioni, comitati ambientalisti, dei gruppi “Genitori tarantini”, “Verità per Taranto” e “Slai Cobas” – sono cominciate ad alzarsi grida di protesta e di accusa indirizzate alla volta del premier appena sceso dall’auto che lo accompagnava. Dal corteo si sono levati cori come «Assassino» – invettiva ripetuta anche su uno striscione evidente nel video riportato di seguito – e come «Il decreto Ilva è contro Taranto», o «Taranto libera». E non solo: a un certo punto della protesta i manifestanti – sorvegliati da vicino dalle forze dell’ordine in assetto anti-sommossa – hanno cercato di forzare il cordone di polizia che impediva l’accesso al sito museale e sono stati respinti.

Grida, accuse e tanta rabbia: la protesta contro il premier incalza

E la folla che si è radunata nello spazio antistante il museo – folla che, come anticipato, includeva anche diverse sigle della sinistra radicale e Cobas – non ha fatto sconti a Renzi: i manifestanti sono partiti dal centro della piazza Garibaldi, dove l’edificio museale si affaccia, per dirigersi all’ingresso principale, dove poi sono stati respinti dalle forze dell’ordine. E allora, Ilva, questione ambientale, decreti del governo: è stato attaccata la gran parte delle decisioni di governo inerenti la Regione Puglia e l’oggetto della protesta, simboleggiata da un grande striscione con la scritta “Ci stanno ammazzando” e con sotto tre passeggini vuoti, è già diventato l’emeblema mediatico della rivolta popolare tarantina. «Il decreto Ilva è contro Taranto, contro i cittadini, contro i lavoratori», hanno urlato a più riprese i manifestanti prendendosela con il premier, ma anche con i sindacati confederali: «Sono suoi complici e vogliono farsi il loro incontro invece di indire uno sciopero nella giornata di oggi», ha urlato la piazza sottolineando malessere e recrimanzioni che hanno animato le proteste. Proteste che, al grido di «Taranto libera, Taranto libera», hanno spostato il loro presidio dal Museo alla Prefettura, dove sono arrivati il premier Matteo Renzi e il presidente della Regione Michele Emiliano per la firma del Contratto istituzionale di sviluppo per la città. La protesta, nella via che collega i due edifici ha registrato qualche momento di tensione. Il deputato tarantino Michele Pelillo, ex assessore della Regione, è stato oggetto di accese recriminazioni e sembra sia arrivato in prefettura scortato e con la giacca bagnata. E Renzi, come ha risposto a tutto ciò? Schernendosi dietro un laconico «Io mi prendo gli insulti, non ho paura, ma mi sta a cuore che Taranto tenga insieme il sacrosanto diritto alla salute con il sacrosanto diritto al lavoro». E giù con altri improperi di piazza… Ecco, di seguito, il video della rivolta di piazza.