Arrestato Cochis per estorsione, fu il braccio destro di Vallanzasca

FacebookPrintCondividi

Rossano Cochis, detto Nanu, lo storico braccio destro di Renato Vallanzasca, è stato arrestato dagli agenti del commissariato Greco-Turro di Milano per estorsione nel campo delle compravendite immobiliari. Nato a Carpenedolo (Brescia) quasi 70 anni fa, era stato condannato nel 1977 per sequestro di persona a scopo di estorsione, omicidio aggravato, partecipazione a banda armata, plurime rapine e altro, tra cui un’evasione. Dopo 37 anni era uscito nell’estate 2014 e affidato a una comunità per il recupero dei tossicodipendenti. «Sono entrato in galera il 15 febbraio 1977 e sono uscito a luglio – ha raccontato in un’intervista – Ma prima di varcare la soglia ho fatto quella promessa a mia mamma Bruna: “Stai tranquilla, non tornerò con i vecchi giri, con quella vita ho chiuso per sempre. Non voglio perderti e non voglio rovinare il mio matrimonio con una donna molto più giovane e innamorata di me”». Promessa infranta, secondo le indagini degli agenti di Greco-Turro diretti da Giorgia Iafrate. Lo scorso febbraio hanno arrestato due persone per estorsione ma sapevano che all’appello mancava un terzo, proprio Cochis.