Natale, soliti noti e qualche sorpresa: la lista dei giocattoli a rischio incidenti

I dieci giocattoli da evitare per la sicurezza dei più piccoli e qualche consiglio su quelli che aiutano a limitare i rischi. Alla vigilia della stagione natalizia, a cercare di orientare genitori, parenti e amici è una Ong americana, specializzata proprio nel monitoraggio dei giochi che possono nascondere insidie e che talvolta sono dei veri e propri insospettabili.

Nuovi giocattoli, vecchi rischi

I giocattoli segnalati sul sito della Watch – World against toys causing harm – vanno dagli artigli di Jurassic World al tappeto elastico, passando per un inaspettato cagnolino di pezza. «Sorprendentemente i pericoli classici, dalle parti troppo piccole all’uso di sostanze tossiche fino all’assenza di messaggi di pericolo, ritornano in giochi appena progettati», ha spiegato l’associazione, rivelando che dal 1990 al 2011 negli Usa gli incidenti legati ai giocattoli sono aumentati del 40%. In molti casi, hanno chiarito ancora gli esperti di Watch, alla base degli incidenti c’è una cattiva informazione, come nel caso degli artiglio da velociraptor ispirati a Jurassic World o della spada delle Tartarughe Ninja, che non hanno «alcun messaggio che metta in guardia dai potenziali danni per gli occhi e il volto».

Tutti i pericoli nascosti, dal tappeto elastico alla pasta per modellare

Da evitare, suggerisce Watch, anche una fionda che spara proiettili a 30 metri, che può provocare seri danni se puntata contro qualcuno, e una pistola troppo realistica, che rischia di generare equivoci pericolosi – ma l’indicazione sembra valere soprattutto per il mercato americano – se in casa c’è un’arma vera. Nella “lista nera” della Ong, inoltre, c’è uno “skateboard senza ruote”, sulla cui etichetta ci sono immagini di bambini che lo cavalcano senza alcuna protezione, e il classico tappeto per saltare, che andrebbe usato solo con la supervisione di un adulto. E nell’elenco ci sono anche dei giochi per i più piccoli: due animali trascinabili, uno con una corda troppo lunga e l’altro con parti ingeribili, e un “kit da dottore” con componenti troppo piccole. Pericolosa, infine, anche una pasta da modellare ricavata dalla farina, che può causare crisi nei bambini allergici, ma non riporta nessuna avvertenza nella confezione.