Incredibile: dimissioni non ufficiali. Marino prende in giro tutti

Ennesimo atto della farsa capitolina messa in scena da Ignazio Marino e dal Pd. Le dimissioni annunciate, infatti, ancora non sono ufficiali. Il vicesindaco Marco Causi aveva annunciato che Marino aveva formalizzato le dimissioni facendo scattare così i 20 giorni: “La deadline – aveva detto – per ritirarle o meno è il 29 ottobre”. Ma Causi è stato smentito dalla presidente del Consiglio Comunale, Valeria Baglio, che ha precisato che “non appena sarà depositata la lettera di dimissioni ne sarà data comunicazione ufficiale”. Ergo la lettera non è stata protocollata. “L’iter previsto dalle norme in fasi come quella che sta attraversando l’Amministrazione di Roma Capitale è chiaro. L’articolo 53 del TUEL sull’Ordinamento degli Enti Locali dice che le dimissioni diventano efficaci e irrevocabili trascorso il termine di 20 giorni dalla loro presentazione al Consiglio, vale a dire da quando vengono protocollate”, precisa ancora la presidente dell’Assemblea Capitolina, Valeria Baglio. Continua la presa in giro dei romani da parte di un sindaco che non è ancora un ex. In Campidoglio fanno sapere che le dimissioni verranno formalizzate lunedì 12 ottobre, ma c’è da fidarsi? Si fa strada la sensazione che Marino voglia provare ancora a resistere, o in ogni caso a prendere tempo. Salutando i suoi collaboratori ha detto di avere bisogno di staccare un po’ e dunque sfrutterà il weekend per riposarsi.