Inferno al Cairo, esplose tre bombe: i “black bloc” rivendicano l’attentato su Fb

La grande paura è arrivata anche in Egitto, al Cairo, tra migliaia di turisti, nel cuore della nazione. Tre bombe, forse di matrice islamica, ma stavolta con una firma diversa dall’Isis: quella dei “black bloc”, un gruppo egiziano fondamentalista di opposizione al governo su cui però aleggia grande mistero e perfino scetticismo . Le bombe sono esplose nei pressi dei locali della Sicurezza nazionale e di un tribunale nel distretto di Shubra El-Kheima, a nord del Cairo. Al momento il bilancio di quello che appare come un attentato è di 27 feriti, secondo i servizi di soccorso. La rivendicazione di un gruppo definitosi “black bloc” è arrivata sulla sua pagina Facebook (www.facebook.com/Black.bloc29), una firma sotto le esplosioni che hanno colpito la sede della Sicurezza nazionale a Shubra El-Khema. “In nome di Allah misericordioso, annunciamo la nostra piena e completa responsabilità per le esplosioni verificatesi poche ore fa”, si legge sulla pagina online. Il ministero dell’Interno egiziano parla da parte sua di una autobomba lasciata esplodere da un assalitore poi fuggito in sella a una motocicletta. E conferma il ferimento di sei agenti.