Migranti, la Mannoia insiste: la colpa è degli italiani che non hanno pietà

E dopo Gianni Morandi ci mancava anche Fiorella Mannoia, che insiste a  parlare di immigrati prendendosela con gli italiani che non hanno cuore, non hanno pietà, non sono solidali. Eravamo scarsi a buonismo. Sul profilo Fb della popolare cantante trovimo un post che riporta un‘intervista della Mannoia a LetteraDonna.it. «Ora stiamo affrontando una situazione drammatica, un esodo biblico che non possiamo sostenere da soli. In qualche modo ci devono aiutare, altro che chiudere le frontiere. Quello che mi addolora di molti connazionali è la mancanza di pietà. Il problema c’è e va affrontato, ma non possiamo dimenticare la compassione», si legge nell’intervista.

Anche per la Mannoia la “colpa” è degli italiani

Secondo uno schema comune a molti buonisti che seguono ormai le orme della presidente della Camera, Laura Boldrini, siamo noi italiani gli intolleranti di fronte a questo esodo biblico. Pietà e compassione, in realtà,  la maggior parte dei nostri connazionali ne ha da vendere, il problema che i diseredati, gli ultimi, sono anche qui da noi, italianissimi, donne, uomini, bambini. Sono dietro l’angolo. se uno ha occhi per guardare. E la politica fa pochissimo per loro, come fa pochissimo per evitare che molte famiglie varchino la soglia della povertà, verso un baratro che spesso porta a farla finita. Perché allora  cantanti, vip e attori scomodano la compassione e la pietà solo quando si tocca il tema immigrazione? Stare dalla parte del “prima gli italiani”, come ha fatto a buon diritto la Cucinotta non è uno slogan, è la presa d’atto che per gli italiani in difficoltà si fa pochissimo mentre per immigrati e rom si aprono alberghi e alloggi. Veramente sgradevole che Fiorella Mannoia parli di scarsa compassione degli italiani. «Cavalcare le paure credo che sia una cosa da meschini», continua l’attrice. Forse la cantante non è bene informata, non legge le cronache violente di cui sono autori immigrati clandestini o già espulsi, persone che non dovevano nemmeno essere in Italia, altrimenti capirebbe che di paura, purtroppo,  bisogna averne tanta.

La rete le dà torto

La rete non è con lei, stavolta Fiorella Mannoia non suscita applausi a scena aperta, a giudicare dai commenti al post su Fb dei suoi fan che distinguono l’artista dall’opinionista faziosetta e offensiva verso gli italiani. Li prendiamo così come sono pubblicati: “Fiore continui con i discorsi di comodo ….capisci ho no! Che siamo nella merda …siamo soli abbandonati dal mondo ..e tu ??? Continui ha insultare gli Italiani …( che non conoscono la pietà)… Meno male che c’è stai te …col core bono …!!!”. Ancora: «A molti italiani manca un lavoro che gli consenta un pò di serenità, ma in compenso molti italiani hanno tante tasse e gabelle da pagare… per cui… la pietà non è tra le loro priorità”. Oppure: “Chi ha pietà di tanti Italiani che non arrivano alla fine del mese? E tutte quelle persone anziane che con poco più di 400€ al mese non possono neppure mangiare e tanto meno curarsi! Giovani senza lavoro, ecc,ecc.basta con questo perbenismo! E non sono assolutamente razzista,ma se permetti prima penso ai miei Italiani……….è bello fare politica con le tasche piene!”. Per finire: “Fiorella, facile dimostrarsi pietosi con le tasche piene. Facile quanto fare la predica agli italiani: squattrinarti, insultati e derisi in casa loro”.