Festa Tricolore, a Opera una due giorni di attualità e valori della destra

I dibattiti sui temi di attualità, dall’immigrazione alle pensioni; l’approfondimento culturale, con la proiezione del film Il segreto di Italia; l’impegno per i Marò. E ancora, una riflessione sul futuro delle città metropolitane e il confronto su come dare slancio al centrodestra, partendo dalla valorizzazione delle sue componenti giovanili. Ci sarà questo e altro alla Festa tricolore di FdI, che si svolgerà sabato 11 e domenica 12 a Opera, nel Milanese, e che sarà chiusa da Giorgia Meloni e Ignazio La Russa.

All’insegna dei valori della destra

A presentare il programma è Alberto Pino Pozzoli, assessore al Commercio del Comune di Opera e membro dell’assemblea nazionale di Fratelli d’Italia. «Sarà una due giorni – ha spiegato – dedicata a quanto accade sul nostro territorio e, più in generale, in Italia. Un momento di approfondimento, ma anche ludico, di aggregazione e di condivisioni di quegli ideali e di quei valori che contraddistinguono, da sempre, la destra italiana». A fare da cornice agli appuntamenti ci saranno stand politici, dimostrazioni di Soft Air e un’area dedicata alla Ritter, storica libreria non conforme di Milano di recente finita vittima di un attentato incendiario. Uno spazio specifico, inoltre, sarà dedicato alla battaglia “Marò liberi” per riportare in Italia Massimiliano Latorre e Salvatore Girone.

“Il segreto di Italia” alla Festa Tricolore

Appuntamento, dunque, al Centro polifunzionale di via Gramsci, dove il primo impegno, alle 15, sarà quello dei giovani con l’assemblea di Gioventù nazionale, il movimento giovanile di FdI. A seguire si terrà la proiezione del film Il segreto di Italia di Antonello Belluco, sull’eccidio partigiano di Codevigo, che ha incontrato un ostruzionismo feroce nella distribuzione. Come da tradizione, poi, la giornata si chiuderà con una cena tricolore, cui parteciperanno i coordinatori provinciali di FdI, Fabio Raimondo, Franco Lucente e Romano La Russa.

Dall’immigrazione alle pensioni

Domenica, alle 10, spazio a un confronto sulle “Linee programmatiche e progettualità per la Lombardia”, con gli interventi di Riccardo De CoratoViviana Beccalossi, Alessandro Butti e Francesco Dotti, coordinati da Paola Frassinetti. Nel pomeriggio si parlerà invece di “Città metropolitana. Quale Futuro?”, con un confronto bipartisan che vedrà coinvolti i consiglieri metropolitani Marco Osnato di FdI-An, Ettore Fusco della Lega Nord e Arianna Censi del Pd. Dai confini della città metropolitana si passerà a quelli nazionali quando, alle 16, il responsabile nazionale enti locali di FdI, Carlo Fidanza, il dirigente nazionale della Lega Nord Davide Boni e l’assessore ai Servizi sociali del Comune di Milano Pierfrancesco Majorino daranno vita a un dibattito sul tema “Immigrazione o invasione?”.  Alle 18, l’avvocato Guido Reggiani terrà una conferenza su “Tutela legale per i pensionati: come ottenere la restituzione del maltolto dalla Legge Fornero”, mentre la chiusura della Festa è affidata a Giorgia Meloni e Ignazio La Russa.