Medjugorje: il Vaticano dice no alla veggente in Italia. E’ giallo sui motivi

Il Vaticano cancella tutto, il terzo incontro di preghiera con la veggente di Medjugorje in Emilia Romagna non si farà. Ed è polemica. Il “no” piomba come un fulmine a ciel sereno, era tutto pronto, dai volantini alle autorizzazioni, migliaia di persone si erano già date appuntamento per il 20 giugno a Sestola con i frati francescani della Bosnia e naturalmente con la veggente Vicka. Il gran rifiuto è stato deciso dal cardinale Ludvig Muller, che ha firmato un decreto indirizzato alla diocesi di Modena per vietare la realizzazione dell’incontro. Secondo le ricostruzioni, l’ordine è stato recapitato a febbraio a monsignor Morandi, che regge la diocesi dopo la morte di monsignor Lanfranchi e in attesa dell’insediamento del nuovo vescovo. Per mesi tutto è stato mantenuto sotto traccia, sperando di poter evitare la cancellazione di un momento così atteso da migliaia di fedeli, ma pochi giorni fa gli organizzatori hanno dovuto, loro malgrado, adeguarsi. Ora c’è incredulità e rabbia.

La  testimonianza di Paolo Brosio su Medjugorje

«A questi incontri ho partecipato anch’io con la mia famiglia – ha detto il noto giornalista Paolo Brosio, devoto alla Madonna di Medjugorje – e avevo notato la presenza di tantissimi giovani che avevano preso d’assalto il centro di Sestola, tante persone che si confessavano e molti sacerdoti di varie diocesi che hanno partecipato alla Messa. Mi chiedo: per quale motivo il vescovo Lanfranchi aveva autorizzato questa giornata di preghiera e perché mai la stessa giornata debba essere bloccata da un altro cardinale? Non dovrebbero essere i cardinali a spingere il popolo di Dio a pregare? Perché due anni sì e il terzo no? Quali sono le vere ragioni che spingono un cardinale importante come Muller a impedire manifestazioni religiose di fede viva, autentica e popolare dove tutto avviene con regolarità e trasparenza e il denaro raccolto durante l’offertorio della Messa viene destinato a opere di carità. Dovrebbe essere esattamente il contrario. Perché bisogna bloccare Medjugorje che è una straordinaria fucina di conversioni per i pellegrini provenienti da tutti i paesi del mondo?»