Salvini e Meloni contro Renzi. Insieme a piazza del Popolo il 28 febbraio

Ormai è una coppia collaudata: nel cuore (politico s’intende) di Giorgia Meloni Matteo Salvini ha preso il posto del gigante Crosetto. Sulla crisi libica, il business degli scafisti, il no all’Europa dei tecnocrati e alla sudditanza italiana alla troika il feeling è totale. La polveriera in Libia ha accelerato l’avvio di un percorso comune che era già nell’aria.

Meloni e Salvini: uniti contro Renzi

Ore  13 saletta stampa di Montecitorio. La leader di Fratelli d’Italia e il segretario della Lega illustrano le linee guida e i prossimi appuntamenti della crociata anti-Renzi per uscire dal cul de sac internazionale culminato con le minacce dell’Isis. «Unitevi a noi», è l’appello lanciato da Giorgia Meloni di fronte ai taccuini dei giornalisti, «si unisca a noi chi vuole mandare a casa il governo». Fratelli d’Italia e Lega compatti in vista della manifestazione promossa dal Carroccio il prossimo 28 febbraio, a piazza del Popolo e non solo. «Annunciamo la nascita di un comune fronte contro Renzi – ha spiegato Giorgia seduta accanto all’altro Matteo, che indossava una t-shirt  con la scritta “Renzi a casa”  – e contro le politiche che sta portando avanti il governo amico dei poteri forti e che gli ordini della Merkel.

Meloni e Salvini insieme il 28 febbraio

Si parte dalla Capitale con un cartellone fitto di iniziative di piazza: a Venezia, il prossimo 7 marzo, e, tra aprile e maggio, un “Grande evento” con alcuni partner stranieri, tra i quali Marine Le Pen. «Dopo Roma saremo a Venezia con una manifestazione sarà incentrata su legalità e lotta a corruzione, nella città della Laguna si vota per le amministrative  –  ha aggiunto l‘ex ministro della Gioventù –e il Veneto è la regione nella quale abbiamo assistito alla vicenda del benzinaio Stacchio, della rapina e della sparatoria in gioielleria. È la terra dove i cittadini sono  più abbandonati su fronte sicurezza».

La Fiaccolata di FdI

«Non possiamo consentire a dei terroristi di fare la selezione all’ingresso delle nostre coste: stop totale dell’accoglienza dei profughi fino a quando non avremmo sconfitto l’Isis in Libia», ha detto infine la Meloni. Per chiedere il blocco dell’accoglienza Fratelli d’Italia ha organizzato una serie di fiaccolate su tutto il territorio nazionale nel fine settimana. «Tra gli appuntamenti, che verranno pubblicati sul nostro sito (www.fratelli-italia.it) ci sono già quello di piazza del Pantheon a Roma in programma venerdì alle ore 19 e quello di domenica a piazza San Babila a Milano alle ore 18».