Ci sarebbe anche una giovane donna italiana tra i “foreign fighters”

Ci sarebbe anche una giovane donna italiana, nata in Campania e che ha vissuto nell’hinterland milanese, tra i ‘foreign fighters‘ che sarebbero partiti per andare a combattere a fianco dei gruppi fondamentalisti islamici tra cui l’Isis, tra l’Iraq e la Siria. La notizia, che è stata riportata da alcuni quotidiani,  ha trovato conferma in ambienti investigativi. La donna di 27 anni, Maria Giulia S., che dopo un percorso di radicalizzazione ha cambiato il suo nome in ‘Fatima‘, è nata a Torre del Greco (Napoli), ma si è poi trasferita assieme alla famiglia ad Inzago, in provincia di Milano.

Dalla Campania alla Siria

Si è convertita all’Islam, ha sposato un marocchino e ha iniziato ad indossare il niqab, ossia il velo integrale, e ha assunto posizioni sempre più radicali. Tanto che, nei mesi scorsi, la donna sarebbe partita da Roma con un aereo diretto verso Istanbul per poi attraversare il confine turco e raggiungere la Siria per combattere a fianco degli integralisti del cosiddetto ‘Stato Islamico‘. Già nei mesi scorsi, era emerso che alcune persone, indagate in un’inchiesta della Procura di Milano ancora aperta, sarebbero partite nel 2012 dall’hinterland milanese per andare a combattere in Siria. In questo caso, però, si trattava di un gruppo di siriani, residenti da anni tra Cologno Monzese e Milano. Tra loro, Haisam Sakhanh, il presunto capo del gruppo che avrebbe reclutato combattenti da inviare nelle zone di guerra, e in particolare in Siria, in un’ottica di ‘guerra santa’.