Caso Ruby, anche il presidente della Corte d’appello contro il dimissionario Tranfa: «Calpestate tutte le regole»

«Un gesto clamoroso e inedito». Che se dettato «da un personale dissenso» non appare coerente «con le regole ordinamentali e deontologiche» della magistratura che «impongono l’assoluto riserbo sulle dinamiche» della Camera di consiglio. Nella polemica per le dimissioni del giudice Enrico Tranfa che avrebbe lasciato in polemica con gli altri due colleghi poiché non condivideva l’assoluzione di Silvio Berlusconi per il caso Ruby, ora scende in campo il presidente della Corte d’Appello di Milano, Giovanni Canzio che ha deciso di intervenire ufficialmente, attraverso una nota consegnata all’agenzia Ansa.
Per Canzio le dimissioni di Tranfa «se dettate dal motivo – non esplicitato direttamente dall’interessato ma riferito dai vari organi di stampa – di segnare il personale dissenso dal presidente del collegio rispetto alla sentenza assolutoria di appello nel procedimento a carico di Silvio Berlusconi, non appaiono coerenti con le regole ordinamentali e deontologiche, le quali – sottolinea nella nota il presidente della Corte d’Appello di Milano – impongono l’assoluto riserbo dei giudici sulle dinamiche, fisiologiche, della formazione della decisione nella camera di consiglio dell’organo collegiale».
Canzio ha aggiunto che «ciò vale, a maggiore ragione, quando il processo sia stato celebrato, come nel caso concreto, in un clima di esemplare correttezza».
E poichè un paio di settimane fa ha dato le dimissioni anche Flavio Lapertosa, l’altro presidente di sezione, Canzio ha tenuto a rimarcare che «è stata, per altro, già avviata la procedura per l’immediata assegnazione di un presidente alla guida della seconda sezione penale della Corte d’appello, al fine di assicurare la necessaria continuità nell’ordinario svolgimento dell’attività giudiziaria».
Il gesto di Tranfa, peraltro, ha sollevato parecchie polemiche in Parlamento dove viene fortemente stigmatizzato.
«Enrico Tranfa, presidente del collegio della Corte d’Appello di Milano nel processo, si è dimesso dalla magistratura in dissenso con la decisione maturata dal suo collegio di assolvere l’ex-presidente del Consiglio Silvio Berlusconi dalle imputazioni di concussione e prostituzione. Un fatto clamoroso, che si verifica, ancora una volta, in una sede giudiziaria, quella di Milano, da tempo oggetto di conflitti interni», sottolinea Gianfranco Chiarelli, capogruppo Forza Italia in Commissione Giustizia della Camera.
Chiarelli aggiunge che si tratta di «una situazione che andrebbe valutata con maggior attenzione da parte del governo, atteso che sembrerebbe che le dimissioni del magistrato sarebbero motivate anche da una serie di altre situazioni conflittuali. Di fatto – osserva – Tranfa non ha mai nascosto il suo disappunto per l’assoluzione in secondo grado di Berlusconi. C’è da chiedersi a questo punto se ancora sia valido il principio che le sentenze non si commentano ma si accettano. O forse il principio si adatta di volta in volta in base al gradimento della sentenza e del soggetto interessato?».
L’esponente di Fi annota «la pronta solidarietà del vice presidente del PD, la collega Sandra Zampa» che, dice, «conferma ancora la presenza di una doppia morale che riguarda parte della sinistra. Garantisti quando si tratta di difendere propri esponenti, giustizialista nei confronti degli avversari politici».