Giorgia Meloni completa l’esecutivo di FdI: 16 membri, età media 41 anni. Ecco chi sono

Sedici membri per altrettanti incarichi di settore. In una riunione che si è svolta sotto la presidenza di Giorgia Meloni, è stata completata la mappatura dell’esecutivo di Fratelli d’Italia-An. Ne fanno parte amministratori locali, dirigenti con esperienza da parlamentari nazionali ed eurodeputati, professionisti ed esponenti delle categorie. Molti sono espressione della cosiddetta “generazione Atreju”, la classe dirigente di Azione Giovani, lo storico movimento giovanile di An. L’età media è di 41 anni. 

Al romano Francesco Lollobrigida, classe ’72, un’esperienza, tra l’altro, da assessore regionale alla Mobilità del Lazio, va la responsabilità dell’organizzazione. I suoi vice sono Francesco Biava e Giovanni Donzelli. Il primo, ex deputato, anche lui romano, con i suoi 49 è fra i decani dell’esecutivo e ha la delega alla predisposizione dei regolamenti. Il secondo, 39enne fiorentino, consigliere regionale in Toscana, ha l’incarico di segretario dell’esecutivo. Il milanese Carlo Fidanza, nato nel 1976, oltre a essere stato vicepresidente nazionale di Ag e vicecoordinatore nazionale della Giovane Italia, è stato consigliere comunale a Milano ed eurodeputato. A lui è stata assegnata la responsabilità degli Enti locali. I vice sono Francesco Acquaroli, quarantenne marchigiano, che è stato consigliere regionale, cui è andata la delega al coordinamento dei Comuni, e il quarantaduenne consigliere comunale di Milano Marco Osnato, con delega al coordinamento delle città metropolitane. Federico Mollicone, anche lui 42 anni, già presidente della commissione Cultura di Roma Capitale, è il responsabile della comunicazione. Due i vice: il consigliere regionale toscano Paolo Marcheschi, che si è formato in Forza Italia ed è un altro decano (è del 1961), ha la delega al marketing politico; l’avvocato 35enne Michele Barcaiuolo, che viene dall’esperienza al consiglio comunale di Modena, ha la delega alla comunicazione territoriale e ai blog. Marco Scurria, classe ’67, romano, ex eurodeputato, già dirigente giovanile e di partito in An, è il responsabile del coordinamento del programma e dei dipartimenti tematici. L’avvocato biellese Andrea Delmastro, nato nel 1976, oggi consigliere di opposizione e prima ancora assessore ai Lavori pubblici nella sua città, è il responsabile cultura e formazione. Marcello Gemmato, farmacista quarantaduenne e consigliere comunale a Bari, già presidente dell’Associazione dei giovani farmacisti, è il responsabile dei rapporti con le professioni. Raffaele Speranzon, 43 anni e una lunga esperienza da amministratore negli enti locali veneziani, è il responsabile dei rapporti con il mondo produttivo. L’avvocato palermitano Carolina Varchi, è responsabile dei rapporti con il mondo dei non tutelati. Nata nell’83 è anche la più giovane dell’esecutivo, cui approda forte dell’esperienza da dirigente in Azione giovani e nella Giovane Italia. Un altro avvocato, il 33enne casertano Gimmi Cangiano, tra l’altro dottore di ricerca in Diritto comparato, è responsabile dell’ufficio elettorale e delle “sentinelle del voto”. Isabella Rauti ricopre il ruolo di responsabile delle Pari opportunità, tema di cui si è occupata per tutta la sua vita politica e professionale. Infine,  Marco Perissa, classe ’82, già presidente nazionale della Giovane Italia e consigliere municipale a Roma, è responsabile di Gioventù nazionale, il movimento giovanile di FdI-An.