Gambizzato a Roma il pugile Mirco Ricci. Era stato arrestato per rapina

Il pugile Mirco Ricci, campione italiano dei mediomassimi, è stato gambizzato nella notte a Roma mentre era in auto, in via dello Stadio Olimpico. A sparare due uomini a bordo di uno scooter. Ricci, raggiunto da due colpi di arma da fuoco alla gamba destra, è stato trasportato al Policlinico Gemelli dove è ricoverato in prognosi riservata. Il campione è grave, ma non sarebbe in pericolo di vita. Lo scorso 12 luglio il 22enne atleta romano era stato arrestato per aver aggredito un uomo lasciandolo a terra sanguinante. Sulla nuova aggressione che questa volta lo ha visto nel ruolo di vittima indagano i carabinieri. La gambizzazione ha tutta l’aria di una vendetta probabilmente legata al più recente o ad altri episodi di cui il pugile si era reso protagonista. Ricci, 22 anni, è infatti già noto alle forze di polizia per i reati di rapina e aggressione. Il 12 luglio aveva aggredito un trentenne mentre questi rientrava nella sua abitazione in zona San Paolo, a Roma. Dopo avergli chiesto dei soldi, al rifiuto di questi lo aveva colpito con calci e pugni. La vittima era riuscita a divincolarsi e a scappare, ma era stata di nuovo raggiunta e picchiata fino a rimanere per terra sanguinante. La scorsa settimana l’uomo era stato arrestato per un’aggressione. La gambizzazione ha tutta l’aria di una vendetta probabilmente legata al più recente o ad altri episodi di cui il pugile si era reso protagonista. Ricci, 22 anni, è infatti già noto alle forze di polizia per i reati di rapina e aggressione. Il 12 luglio aveva aggredito un trentenne mentre questi rientrava nella sua abitazione in zona San Paolo, a Roma. Dopo avergli chiesto dei soldi, al rifiuto di questi lo aveva colpito con calci e pugni. La vittima era riuscita a divincolarsi e a scappare, ma era stata di nuovo raggiunta e picchiata fino a rimanere per terra sanguinante.