Pagine di storia/Cinquant’anni fa nasceva l’Olp: una storia di sangue che (forse) volge al termine

Questione palestinese. Quante volte abbiamo ascoltato o letto questa espressione, e l’impressione è che ne sentiremo parlare ancora per parecchio. Gli archivi dei giornali sono pieni di foto di esponenti palestinesi (quasi sempre il leader storico Yasser Arafat) con i vari presidenti americani che si sono succeduti, e che sempre volenterosamente hanno mediato tra le parti, arabi e israeliani, affinché si ponesse fine una volta per tutte a quello che è il più lungo conflitto del dopoguerra. E che iniziò proprio nel dopoguerra, con l’arrivo degli ebrei fuggiti dall’Europa in Medio Oriente, ossia nella “terra promessa”. Nel 1948, su mandato britannico, dettero vita allo Stato di Israele, come è raccontato nel miglior film sulla vicenda, Exodus, di Otto Preminger, del 1960. I palestinesi furono per così dire confinati nella costa occidentale e nella striscia di Gaza. In pratica, si sentirono defraudati di un territorio che consideravano loro. Inoltre molti ebrei arrivarono in Israele stanziandovisi per sempre e spesso occupando anche zone esorbitanti lo Stato di Israele stesso. Perché ricordare queste cose arcinote? Perché esattamente mezzo secolo fa, il 28 maggio del 1964, nasceva l’Olp, acronimo di Organizzazione per la Liberazione della Palestina, su iniziativa della Lega Araba. Nacque proprio a Gerusalemme dopo una riunione di 422 personalità palestinesi con l’obiettivo di liberare la Palestrina con la lotta armata, ovviamente contro Israele, come recita ancora oggi lo statuto dell’Olp. E purtroppo quanto annunciato è accaduto alla lettera: sono moltissimi gli attentati dei terroristi palestinesi, non necessariamente affiliati all’Olp, che hanno causato moltissime vittime: il più celebre di tutti è senza dubbio quello alle Olimpiadi di Monaco, nel 1972, da parte dei palestinesi di Settembre Nero, rievocato in articoli, libri, film. Altrettanto sangue è scorso nelle reazioni di Israele, non disposto a subire attentati terroristici contro i suoi abitanti. A lungo il mondo ha considerato l’Olp un’organizzazione terrorista, poiché la geografia dei gruppi e gruppuscoli dissidenti o scissionisti non è mai stata chiara, anche perché è estremamente complessa e in continua evoluzione. La questione palestinese però ha attirato l’attenzione dell’intero pianeta per anni, e i masse media internazionali se ne sono occupati – e se ne occupano – continuativamente. Senza prendere parte per uno dei due contendenti, però si può affermare che l’Olp in questo ha assolto la sua funzione: ossia quella di porre all’attenzione degli Stati, più spesso in maniera violenta, il problema enorme che da anno affligge tutto il Medio Oriente. Nel 1974 Yasser Arafat, arrivato al vertice cinque anni prima, ha chiesto ufficialmente uno Stato della Palestina indipendente, nel 1988 ha adottato la soluzione “due Stati”, Palestina e Israele, con Gerusalemme est capitale, e finalmente nel 1993 il presidente dell’OLP Arafat ha riconosciuto lo Stato di Israele in una lettera all’allora premier Rabin. Ma non ha eliminato – tuttora – dal suo statuto fondativo l’articolo che ne auspica l’eliminazione. Subito dopo Israele riconobbe l’Olp, più che altro per aver un interlocutore. In seguito ai cosiddetti accordi di Oslo, l’Olp non fu più definita un’organizzazione terrorista. Arafat morì nel 2004 e al suo posto venne eletto Abu Mazen, considerato un moderato, che ancora guida la causa palestinese. Dopo la Guerra dei Sei Giorni, nel 1967, i palestinesi ritennero che la guerriglia contro Israele fosse l’unica strada percorribile e l’Olp fu da allora controllato dagli ormai famosissimi feddayyin (i devoti). Da allora la vicenda dell’Olp è storia, tra Libano, Egitto, Giordania, Tunisia, Intifade, storia piena di attentati, omicidi politici, scontri intestini sanguinosi, guerriglia continua con Israele. Nel 1993 la direzione dell’Olp si trasferì da Tunisi a Ramallah, dove ancora si trova. I gruppi e sottogruppi palestinesi hanno compiuto attentati soprattutto fuori dal Medio Oriente, e sempre contro obiettivi ebraici: in Italia a Fiumicino, nel 1973 e nel 1985, alla Sinagoga di Roma nel 1982 e alla nave Achille Lauro ancora nel 1985. Molti inoltre hanno sostenuto che gruppi dissidenti palestinesi sarebbero anche coinvolti con la strage di Bologna del 1980, ma nessuna indagine fu mai seriamente indirizzata in questo senso. Oggi le cose sono molto cambiate per i palestinesi, lo Stato è riconosciuto da moltissimi Paesi, la Palestina ha rappresentanze diplomatiche all’estero, Italia compresa, l’Olp è osservatore all’Onu da anni. Ma i gruppi islamisti continuano ad agire contro Israele e all’estero contro ad esempio il governo siriano o anche in Iraq e Afghanistan. Questa è la sfida che i governi occidentali devono raccogliere e vincere. Altrimenti la questione palestinese terrà ancora banco per i prossimi decenni….