È morto il soldato Hiroo Onoda, l’ultimo giapponese: si era arreso alla sconfitta solo nel 1974

Alla fine si arreso: al suo cuore malandato. Al tempo che è passato. Alla morte. Hiroo Onoda, il leggendario ultimo soldato dell’Esercito imperiale giapponese, che soltanto nel 1974 ha deposto le armi imbracciate durante la seconda guerra mondiale, è morto ieri pomeriggio a 91 anni per infarto in un ospedale di Tokyo, dove era stato ricoverato dal 6 gennaio a seguito di una insufficienza cardiaca. La storia della sua vita sembra tratta da un film di Akira Kurosawa, e non solo per la mitica aura da combattente indomito che ha accompagnato tutti i giorni della vita di Onoda, ma anche per quel mescolarsi di atmosfere grottesche a situazioni al limite del tragico che ha connotato la singolare vicenda di un personaggio diventato epico negli anni, a sua insaputa, e suo malgrado.

Un’esistenza, quella di Onoda, che ha intrecciato storia reale e vissuto immaginato: ex ufficiale dell’intelligence, continuò a combattere per decenni sull’isola filippina di Lubang, dove era stato distaccato nel 1944, malgrado la resa del Giappone nella Seconda guerra mondiale. E quando finalmente fu trovato, e poi arrestato nella giungla dell’isola, nessuna personalità, nessun argomento, riuscirono a convincerlo che l’Esercito imperiale era stato definitivamente sconfitto: fedele al suo impegno militare. Personificazione del samurai moderno, pronto a sacrificare un’intera esistenza alla divisa e al voto bellico. Convinto della sua missione, ha continuato a considerarsi ancora in servizio effettivo e permanente, e soltanto con l’intervento del suo ex comandante, che gli ordinò di deporre finalmente le armi, Onoda decise una volta per tutte di porre fine alla “sua” guerra.

Un conflitto, quello che ha impegnato Onoda ben oltre quelli che sarebbero stati i suoi doveri militari, a cui il soldato è sopravvissuto, con altri tre commilitoni, dimostrandosi più forte dei bombardamenti e degli attacchi delle truppe Usa e alleate. Un conflitto, che non ha piegato la volontà di Onoda neanche quando, sempre all’oscuro della sconfitta nipponica, uno dei militari lasciò il gruppo nel 1949, e si arrese volontariamente: un evento che avrebbe potuto segnare una svolta, e mettere fine alla vita bellica di Onoda. A quel punto, infatti, la diplomazia giapponese, informata di quanto accaduto, decise di cominciare a muoversi per il recupero dei superstiti. Ma, ancora una volta, Onoda rimase immune a qualunque tipo di accadimento. Persino quando altri due suoi compagni d’avventura morirono a seguito di scontri a fuoco con gli abitanti dell’isola, lasciando Onoda come unico sopravvissuto, lui scelse di non ritirarsi.

Dovrà arrivare il 1974, anno della svolta cruciale, perché Onoda si arrenda: a marzo di quell’anno, dunque, dopo l’arresto e la chiusura della “sua interminabile guerra”, il tenente fu ricevuto con tutti gli onori dal presidente filippino Ferdinando Marcos, in compagnia della moglie Imelda. Rientrato in patria, accolto con le dovute celebrazioni, dopo appena un anno decise di trasferirsi in Brasile dove, deposte finalmente le armi, cominciò a vivere una vita normale: si sposò, e gestì una piantagione con successo. E quando nel 1984 tornò finalmente in Giappone, ufficializzò la sua richiesta di far riposare in patria le sue stanche spoglie una volta finiti i suoi tumultuosi giorni. E così è stato.