Sorpresa, anche la Lega vota Marini al primo scrutinio

Quirinale, nuovi riposizionamenti a scrutinio iniziato. Strada in discesa per Marini, dopo che la Lega contrariamente a quanto annunciato in precedenza, fa sapere che convergerà da subito su Franco Marini già dal primo scrutinio, rinunciando alla candidatura «di bandiera» di Manuela Dal Lago. Lo ha deciso il gruppo all’unanimità, dopo un riunione, riferise Massimo Bitonci, capogruppo al Senato del Carroccio. A chi gli domanda della posizione di Bossi per Manuela Dal Lago, risponde: «Avremmo votato Dal Lago, ma i nostri 40 voti sarebbero stati solo una testimonianza a una brava amministratrice». A questi si aggiungono i settanta elettori di Scelta civica che voteranno Marini, oltre al Pdl e a una parte del Pd. I democrat allo stato attuale delle cose sono  l’unica variabile impazzita in questo scacchiere, sconquassati al loro interno e con Sel che ha già formalizzato il distacco dall’alleato di coalizione, annunciando il proprio sostegno al candidato di Grillo, Stefano Rodotà. La candidatura Marini potrebbe quindi avere un esito positivo presto, nonostante i mal di pancia del partito di Bersani e con buona pace dei renziani.