Crosetto smaschera Monti e “chiama” Giannino: può stare solo a destra

Pur non avendogli mai concesso un voto in Parlamento, né di fiducia né ordinario, Guido Crosetto è uno che Mario Monti dimostra di conoscerlo bene. E adesso che è in campo con La Russa e la Meloni nella fomazione d’attacco di “Fratelli d’Italia”, il gigante buono della politica italiana si diverte a smascherarne i bluff. «Ho l’impressione che l’obiettivo della lista Monti sia cercare il modo di non far raggiungere la maggioranza al Senato al Pd per essere disponibili ad un dialogo successivo», ha spiegato oggi Guido Crosetto  intervenendo ad Agorà, su Rai Tre. «Se non cambiano le condizioni – continua Crosetto – il centro al Senato troverà il modo di appoggiare il vincitore, chiunque esso sia. Monti si è collocato in una posizione centrale per cui, se vincesse il centrodestra e gli mancasse il numero al Senato, sarebbe disponibile a condividere la sua agenda con il centrodestra, lo stesso in caso di vittoria del centrosinistra, che però avrebbe qualche problema in più a condividere l’agenda Monti», ha aggiunto l’esponente di “Fratelli d’Italia”, che poi s’è lanciato in un giudizio sui suoi compagni di viaggio: «La scelta di La Russa è stata quella accompagnarci in questa avventura, con un’esperienza e un radicamento in Italia che ci serviva in questa fase. Da quello che ho visto in queste prime settimane, La Russa si sta comportando molto meglio e fa le cose che avrei voluto avesse fatto Berlusconi nel Pdl, cosa che non mi avrebbe portato ad uscire. Si sta comportando con una serietà e una generosità che non mi aspettavo e che non ho visto in altri personaggi politici». Infine un giudizio su Oscar Giannino: «Giannino non ha posizioni da centrosinistra, starebbe bene all’interno del centrodestra. Non è che devono far parte del centrodestra solo quelli che hanno l’immaginetta di Berlusconi e che gli accendono una candela tutte le mattine…». E