Costa: Il Cav è assolto? Colpa del giudice…

«Il Corriere della sera dell’11 luglio riporta la notizia che due missive, vergate dal procuratore generale di Milano, Manlio Minale, sarebbero state indirizzate al presidente della Corte d’Appello, Giovanni Canzio, segnalando ingiustificati ritardi nella gestione delle fasi del processo Mills/Berlusconi», conclusosi, come sappiamo, con la prescrizione. Inizia così l’interrogazione al ministro della Giustizia, Paola Severino, depositata ieri dal Pdl, a firma, tra gli altri, del capogruppo in commissione Giustizia, Enrico Costa. Il procuratore, detto in  termini spicci, avrebbe contestato al presidente della Corte d’Appello, Giovanni Canzio, di aver “perso tempo” prezioso, risultato determinante ai fini dell’istanza di prescrizione. Quindi, ben due “bacchettate” sarebbero partite per “punizione”…

Onorevole Costa, siamo di nuovo al tiro al bersaglio contro Berlusconi? Siamo addirittura alla “censura” dell’operato di un giudice?

Spero anzitutto che non sia vero quanto letto sul “Corriere della Sera”. Noi, semplicemente, chiediamo al ministro Severino di accertare se sia vero o no quel che abbiamo letto mercoledì. Poi trarremo le conclusioni politiche.

Se fosse vero?

Saremmo in presenza di una situazione atipica, a dir poco singolare.

Per usare un eufemismo…

Beh, certo, un procuratore che, a fronte di una sentenza, non la impugna, ma preferisce prendere carta e penna e far partire due lettere dal sapore vagamente di pressione, come lo vogliamo definire?

Me lo dica lei. Noi in gergo professionale le definiamo “lettere di richiamo”: può andare come definizione?

Direi “doglianze” nei confronti del Tribunale di Milano che avrebbe perso tempo. Si parla di «ingiustificati ritardi nella gestione delle fasi del processo».

È vero?

Macché. Il discorso è un altro: bastava leggere la motivazione della sentenza del processo Mills per essere a conoscenza che non sussisteva la responsabilità dell’imputato e che si era in presenza di un’assoluzione. E il procuratore non può non averla letta.

Ma sarebbe cambiato qualcosa se si fossero accelerati i tempi?

No, anche se si fosse seguito un calendario diverso, si sarebbe arrivati comunque alla prescrizione. Non è un risparmio di poche settimane che avrebbe mutato la sostanza. Lo stesso procuratore generale si è occupato di millimetrare le scelte altrui con un percorso atipico, senza peraltro nemmeno impugnare la sentenza che ha affermato «l’assenza di responsabilità» di Berlusconi. Dunque, il processo, in ogni caso, si sarebbe prescritto in appello.

Quindi?

Quindi tale atteggiamento si configura come un’ingerenza non consentita nella gestione dell’ufficio giudiziario. Per questo abbiamo chiesto al guardasigilli di inviare ispettori a Milano per verificare quanto riportato ieri dal “Corsera”. Mi piacerebbe sapere in quanti casi di processi caduti in prescrizione il procuratore abbia preso carta e penna e inviato due lettere al giudice, o se sia stato fatto solo in questa occasione.

Mettiamo il caso che si tratti di un trattamento riservato solo al Cavaliere….

Allora saremmo in presenza di un messaggio, di un non consentito monito, se non di una pressione, nei confronti di tutti i magistrati che si occupano e si occuperanno in seguito dei processi a Silvio Berlusconi: a procedere, cioè, con corsia assolutamente preferenziale e non assumere decisioni sfavorevoli alla Procura, pena il rischio di vedersi procedimenti disciplinari “contro”.

Della questione pensate sia opportuno coinvolgere anche altri soggetti, come il Csm, ad esempio?

Noi abbiamo l’esecutivo come punto di riferimento. Per ora abbiamo chiesto al ministro di accertare queste procedure: se questo sia accaduto in altri processi estinti per prescrizione e le modalità attraverso cui è stata resa pubblica la notizia dell’opinione dissenziente di uno dei giudici su un’ordinanza processuale. Le abbiamo chiesto di assumere, conseguentemente, i provvedimenti necessari a ristabilire il massimo grado di rispetto dei principi di terzietà e di equidistanza. Dopodiché sarà lei a fare le sue valutazioni, a trarre le sue conclusioni e ad attivare altri soggetti.

Sembra un automatismo: si riparla di un ritorno possibile di Berlusconi e il clima comincia a surriscaldarsi, non trova?

La scorciatoia giudiziaria per indebolire Berlusconi è sempre in agguato e ora non stupisce che, sentendo riparlare di una sua candidatura, si siano risvegliate queste tentazioni. Ma lui ci ha fatto il callo ormai…