Vandali al Senato, la grillina li assolve: hanno ragione. FdI: una pdl per inasprire le pene

2 Gen 2023 14:46 - di Redazione
vandali Senato

“Gli atti di vandalismo a cui abbiamo assistito oggi ai danni di un palazzo istituzionale, come purtroppo già accaduto in passato, non possono e non devono lasciarci indifferenti”. E’ il commento di Alessandro Amorese, deputato di FdI, dopo che Ultima generazione ha attuato un salto di qualità. Dai blocchi stradali sono passati all’imbrattamento dei capolavori nei musei per finire, oggi, con la vernice rossa sul palazzo del Senato a Roma. 

Amorese: aumentare le pene per chi deturpa il nostro patrimonio

Nel programma elettorale di Fratelli d’Italia – dice Amorese -“trova spazio la necessità di aumentare le pene per chi danneggia o deturpa il nostro prezioso patrimonio che rappresenta, a pieno titolo, la nostra identità e la nostra storia”.

“Già nella scorsa legislatura, come gruppo di opposizione, avevamo presentato una proposta di legge in merito con la quale veniva configurata una modifica al Codice Penale a disciplina della materia”.

“Come già espresso chiaramente dal Ministro Sangiuliano è convinzione di questo Governo non fare sconti a chi si permette di arrecare danno ai beni di tutti e, per questo motivo, presenteremo una nuova proposta di legge con pene più dure e che preveda una risposta che sia commisurata al danno arrecato. Qualsiasi protesta non deve esprimersi a danno delle libertà altrui e del nostro patrimonio culturale”.

Sangiuliano: atto gravissimo e intollerabile

“Quanto avvenuto oggi è gravissimo – ha detto a sua volta Sangiuliano – imbrattare la facciata di una delle massime istituzioni democratiche della nostra Nazione, quale il Senato della Repubblica, è un gesto ignobile e intollerabile. Ho ribadito, più volte, la necessità di inasprire le sanzioni contro chi danneggia il nostro patrimonio architettonico, artistico e culturale. Esprimo al Presidente Ignazio La Russa la mia vicinanza per l’attacco subito”.

La grillina giustifica i “bravi ragazzi”: hanno ragione da vendere

Ma ovviamente c’è anche chi esercita il consueto buonismo e va controcorrente per farsi notare.  E’ il caso della deputata M5S Patty L’Abbate, vicepresidente della commissione Ambiente e Infrastrutture di Montecitorio. Per la quale i bravi ragazzi imbrattatori “hanno ragione da vendere”. “Il gesto di questi ragazzi che hanno lanciato vernice sulla facciata del Senato non è giusto, ma non li state ascoltando! Dobbiamo ascoltarli! Il governo sta pensando al loro futuro? Assolutamente no, pensa a reprimere la loro libertà a manifestare, o pensa a trivellare ancora il nostro territorio per interessi personali”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA