Pianificavano attentati in Germania con cianuro e ricina: arrestati due fratelli iraniani (video)

8 Gen 2023 10:58 - di Laura Ferrari
iraniani, Germania

Due cittadini iraniani sono stati arrestati nell’ovest della Germania con l’accusa di preparare attentati terroristici di matrice islamica usando anche tossine letali come cianuro e ricina, trovati nella sua abitazione. Lo rendono noto la polizia e la procura di Duesseldorf.

La perquisizione e l’arresto sono avvenuti nella cittadina di Castrop-Rauxel, nel Land occidentale Renania del Nord-Vestfalia. Secondo la Bild, le autorità tedesche erano state avvertite da servizi d’intelligence stranieri circa la minaccia di un attentato terroristico “islamico” con l’uso di una “bomba chimica”. Gli uomini erano vestiti in modo leggero mentre venivano portati via, con solo una giacca gettata sopra di loro contro il freddo invernale, hanno detto testimoni oculari. Non hanno opposto alcuna resistenza.

I due iraniani preparavano attentati chimici in Germania

La ricina è altamente tossica ed è ufficialmente elencata in Germania tra le armi biologiche. Secondo l’emittente pubblica regionale Wdr, i due uomini arrestati sono fratelli. Gli investigatori si sono trasferiti intorno alla mezzanotte di sabato per perquisire l’alloggio del 32enne a Castrop-Rauxel. Molti indossavano tute protettive. Una vasta area intorno al sito è stata transennata mentre un grande contingente di agenti di polizia, vigili del fuoco e servizi di emergenza è stato dispiegato sul sito. Le prove sono state collocate in contenitori blu e portate in un sito di decontaminazione allestito dai vigili del fuoco, secondo la Dpa. “L’imputato è sospettato di aver preparato un grave atto di violenza pericoloso per lo Stato”, hanno detto gli inquirenti. “La ricerca serve a trovare corrispondenti tossine e altre prove”. Non è stato ancora deciso se il 32enne sarà portato davanti a un magistrato.

Il precedente di Colonia: l’avvertimento dell’intelligence amica

Secondo Bild, la polizia federale criminale BKA ha tenuto d’occhio gli uomini per giorni, dopo aver ricevuto un avvertimento da una “agenzia di intelligence amica”. Un precedente caso di ricina a Colonia quattro anni fa, in cui un uomo tunisino e una donna tedesca avevano fabbricato il veleno e condotto un’esplosione di prova, ha portato a lunghe pene detentive. Anche in quel caso, un’agenzia di intelligence straniera ha fornito una soffiata dopo l’acquisto di grandi quantità di tossina. Le autorità stimarono all’epoca che una bomba piena di sfere d’acciaio e ricina avrebbe potuto uccidere 200 persone.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA