Meloni: «Dobbiamo portare più Italia nei Balcani». Il videomessaggio alla conferenza di Trieste

24 Gen 2023 12:22 - di Milena Desanctis
Meloni

Il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha partecipato con un videomessaggio alla Conferenza nazionale “L’Italia e i Balcani Occidentali: crescita e integrazione. Obiettivi, strumenti e opportunità per il Sistema Italia”, in corso a Trieste e promossa dal Ministero degli Affari esteri e la Cooperazione internazionale. Ecco il testo integrale del suo videomessaggio.

«Buongiorno a tutti. Ringrazio e saluto il ministro degli Esteri Antonio Tajani che ha promosso questa importante iniziativa dedicata a una regione come i Balcani occidentali che è di rilievo strategico per gli interessi nazionali italiani. In quanto Nazione vicina, l’Italia conosce molto bene l’importanza nevralgica che quest’area riveste per il futuro delle dell’Europa intera. Sappiamo per esperienza che tutto quello che accade al di là dell’Adriatico ha un riflesso immediato su di noi. Non poteva, quindi, esserci luogo più adatto per questa conferenza. Trieste e il Friuli-Venezia Giulia sono intimamente legati e connessi al mondo balcanico da profonde relazioni economiche e culturali. Trieste, allo stesso tempo “la più italiana” è “la più mitteleuropea” tra le città italiane, rappresenta un ponte naturale e straordinario tra l’identità italiana e latina, con quella dei popoli slavi e germanici a noi più vicini», dice Meloni nel suo videomessaggio.

Il videomessaggio di Giorgia Meloni

«Il tessuto imprenditoriale di questo territorio rappresenta inoltre un esempio vincente della capacità italiana di affermarsi nei mercati internazionali grazie al suo talento e alla sua creatività. Le attuali dinamiche geopolitiche rendono questa conferenza quanto mai necessaria. La guerra di aggressione della Federazione russa all’Ucraina, siamo arrivati oggi all’undicesimo mese, ci pone davanti a scelte inevitabilmente strategiche», aggiunge Meloni.

«L’Europa ha una grande responsabilità verso i Balcani e deve impegnarsi per riaffermare il senso di appartenenza di questa regione al nostro mondo e ai nostri valori. È esattamente questo il messaggio che ho portato il 6 dicembre scorso al Vertice dei capi di Stato di governo dell’Unione europea e dei Balcani occidentali in Albania. È stato importante ribadire proprio a Tirana l’impegno dell’Unione Europea a sostegno della regione con misure concrete. Penso ad esempio al pacchetto da un miliardo di euro a supporto del settore energetico per mitigare gli effetti della crescita dei prezzi e assicurare un aiuto concreto a famiglie e imprese».

Meloni: «L’Ue metta l’allargamento ai Balcani occidentali tra le sue priorità»

«Non possiamo fermarci però solo alle misure economiche. È urgente che l’Unione Europea sviluppi una nuova visione nei confronti di questa Regione e metta l’allargamento ai Balcani occidentali tra le sue priorità. Noi non possiamo permettere che questo quadrante strategico per il nostro continente resti ancora a lungo fuori dalla casa comune europea. Ed è la ragione per la quale l’Italia continuerà a battersi in prima linea affinché il processo di integrazione europea dei Balcani occidentali possa proseguire con ancor più slancio e determinazione», continua il premier. «Per noi si tratta anche di un tema di rilievo assoluto che riguarda la nostra sicurezza nazionale e che per questo, anche per questo, non possiamo trascurare».

Meloni: «Portare “più Italia nei Balcani”»

«L’obiettivo di questo governo è portare “più Italia nei Balcani”. Del resto, è quello che ci chiedono tutti gli amici della regione che ho constatato personalmente negli incontri al Vertice che ho avuto a Tirana. Le nostre aziende sono già protagoniste nella regione, ma dobbiamo rinnovare questa presenza e investire nei settori strategici», sottolinea Meloni. «Penso non solo alle infrastrutture, alle reti energetiche, ma anche allo sviluppo delle piccole e medie imprese per le quali il modello italiano è in grado di offrire un’esperienza assolutamente all’avanguardia. Allo stesso tempo dobbiamo sfruttare appieno le opportunità offerte dagli Stati di questa regione, colmare i consistenti margini di crescita che esistono per le nostre imprese in quei mercati molto importanti», prosegue ancora il premier.

«Le imprese già si muovono, ma sono soprattutto le Istituzioni italiane che devono fare di più – aggiunge – . Non possiamo essere alle spalle di Nazioni che hanno un’esperienza minore della nostra in questa regione. Ci siamo per questo già mossi e vedo quanto la Farnesina, guidata dal ministro Tajani, sia sempre più attiva sia sul fronte dei rapporti politici che su quello dei rapporti economici. Insomma, il governo c’è ed è pronto a fare la sua parte per rafforzare la presenza delle aziende italiane nei Balcani».

E poi ancora. «La conferenza di oggi offre ovviamente l’occasione per discutere delle modalità concrete per rilanciare l’azione dell’Italia in questa regione e per mettere a sistema le opportunità significative che i Balcani sono in grado di offrire per le nostre aziende. Sono fermamente convinta della complementarietà tra il nostro sistema economico nazionale e quello dei paesi dei Balcani occidentali e sono convinta della possibilità di sviluppare forme vincenti di cooperazione industriale e commerciale tra le due sponde dell’Adriatico. La sicurezza e la crescita di tutti i popoli dei Balcani occidentali sono fondamentali per l’interesse nazionale dell’Italia».

«Siamo sempre stati solidali con ciascuno dei nostri vicini»

«Per la nostra Nazione non si tratta di puntare su un partner e poi su un altro, per successivamente ignorare tutti. Non è questo quello che ci viene chiesto e non è questo quello che dobbiamo fare. Siamo stati sempre solidali con ciascuno dei nostri vicini nei momenti di difficoltà – prosegue – e siamo al fianco di tutti nel lavoro per una crescita condivisa nella sicurezza. Tutto questo non può che avvenire all’interno di un contesto europeo. Per questo ci battiamo per un’integrazione regionale nell’ambito di un processo di adesione all’Unione europea di tutti gli Stati della Regione e crediamo che sostenere la stabilizzazione e la piena integrazione europea significhi lavorare per una cooperazione nella lotta alla corruzione, nel contrasto dei traffici illegali, nella gestione e nel contenimento dei flussi migratori irregolari, nella prevenzione e nel contrasto del radicalismo in ogni sua forma».

«Tante le sfide che abbiamo davanti per rafforzare il legame tra l’Italia e i Balcani occidentali»

«Sono tante le sfide che abbiamo davanti per rafforzare il legame tra l’Italia e i Balcani occidentali. C’è un grande lavoro da fare e sono convinta che questa conferenza possa essere un altro importante tassello di questo percorso che deve vedere Istituzioni e mondo imprenditoriale camminare insieme, uniti. Grazie e a tutti voi i miei più sinceri auguri di buon lavoro. Buona giornata», conclude il videomessaggio.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA