Fontana e Bertolaso ridimensionano l’allarme Covid: dalla Cina non giungono nuove varianti, è sempre Omicron

2 Gen 2023 15:58 - di Paolo Lami
vaccini omicron

Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana ridimensiona l’allarme Covid dalla Cina alla luce dell’esito delle analisi di sequenziamento sui tamponi effettuati a Malpensa dei passeggeri del volo del 26 dicembre, proveniente da Wenzhou (che ha fatto riscontrare 62 positivi su 120 test), e del 29 dicembre, proveniente da Tianjin, (26 positivi su 56 test).

Notizie rassicuranti arrivano dai risultati del sequenziamento dei tamponi positivi, prelevati a Malpensa, dai passeggeri del secondo volo del 26 dicembre e di quello del 29 dicembre, provenienti dalla Cina. Si tratta sempre di sottovarianti di Omicron”.

”Attraverso questi dati – aggiunge l’assessore al Welfare, Guido Bertolaso – stiamo cercando di ottenere una fotografia di quanto sta accadendo in Cina. I passeggeri trovati positivi al Covid provengono da tre zone differenti del Paese asiatico: il primo del 26 dicembre da Nanchino, zona orientale, il secondo, sempre del 26, da Wenzhou, zona sudorientale, e il terzo, del 29 dicembre, da Tianjin, zona nord-est. Il fatto che i ceppi rilevati siano tutti di Omicron lascia intendere che questa sia la variante predominante, per la quale il popolo lombardo, e italiano in generale, è protetto grazie alla copertura vaccinale”.

“Noi comunque – aggiunge l’assessoreproseguiremo con le indagini sui positivi che atterreranno dalla Cina sul suolo lombardo. Proprio questa mattina all’una è arrivato un nuovo volo da Nanchino e questa sera ne arriverà un altro da Wenzhou. Attendiamo di ricevere gli esiti anche di questo screening che ricordo essere finalizzato all’individuazione di eventuali nuove varianti. L’esperienza ci ha infatti insegnato che il virus si contrasta solo con la vaccinazione e la ricerca continua di mutazioni“.

Rinnovando l’appello ad effettuare la quarta dose di richiamo “essenziale per scongiurare gli effetti gravi della malattia“, Bertolaso informa che “al momento nessuno dei passeggeri riscontrati positivi ha avuto necessità di essere ospitato nei due Covid hotel attivati a Monza e Milano”.

L’annuncio di Fontana e Bertolaso conferma quanto già detto ieri da Francesco Vaia, direttore dell’Istituto Spallanzani di Roma, che aveva zittito il catastrofismo della sinistra e delle solite virostar parlando dei passeggeri arrivati nei giorni scorsi a Fiumicino, scalo di Roma, dalla Cina: “Cominciamo il nuovo anno con una buona notizia. Sono – ha scritto Vaia sul proprio profilo Facebook – appena arrivati dal nostro laboratorio di virologia i dati riguardanti i sequenziamenti sui primi tamponi dei cittadini positivi al Covid e provenienti dalla Cina. Confermiamo la presenza di varianti da noi già conosciute e attualmente coperte da farmaci e vaccini. Soprattutto da immunità ibrida. Forza e avanti sempre!”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA