Firenze, arrestato anarchico per 6 attentati contro la linea dell’Alta Velocità, indagati due minori

25 Gen 2023 17:05 - di Paolo Lami
ANARCHICO_ARRESTATO_FIRENZE

Rischia fino a 15 anni di carcere l’anarchico fiorentino arrestato dalla Procura del capoluogo toscano con l’accusa di aver compiuto 6 attentati, tra il 28 agosto ed il 28 dicembre scorsi, contro la linea ferroviaria ad Alta Velocità che collega Firenze a Bologna, nei tratti passanti dalle località di San Piero a Sieve e Firenzuola.

L’inchiesta che ha portato all’arresto dell’anarchico, la cui attività eversiva “si colloca – secondo il procuratore distrettuale antimafia Luca Tescaroli – nell’ambito della  campagna di violenza di gruppi anarchici contro la Tav“, è stata coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia fiorentina le cui indagini svolte con l’ausilio degli appartenenti alla Digos di Firenze e la collaborazione del Compartimento della Polizia Ferroviaria di Firenze,  stima danni per decine di migliaia di euro alle strutture ferroviarie interessate dagli attentati. Che hanno riguardato strumentazione demandata a garantire l’incolumità dei viaggiatori in caso di incidenti.

In un episodio, in particolare, è stato danneggiato il quadro di comando del sistema di areazione a servizio di una galleria: in caso d’incidente ferroviario, non avrebbe consentito il corretto deflusso dei fumi prodotti da eventuali incendi.

I reati ipotizzati a carico dell’anarchico arrestato – che rischia fino a 15 anni di carcere – sono quelli di attentato alla sicurezza dei trasporti aggravato dall’associazione con finalità di terrorismo.

Da tempo la linea ad alta velocità è oggetto di attentati da parte delle organizzazioni anarchiche nazionali con cui l’anarchico arrestato intrattiene stabili contatti.

Sono in corso riscontri sulla posizione di due minorenni – le indagini in questo caso sono coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minorenni di Firenze – in ordine al loro eventuale coinvolgimento in uno dei sei episodi criminosi.

Ieri la Digos, delegata dalla locale Procura per i Minorenni, ha proceduto a perquisire le abitazioni dei due minori e ora le risultanze sono al vaglio degli investigatori che dovranno accertare l’effettivo coinvolgimento dei giovani nella vicenda.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA