Musumeci: «Il Pnrr? Necessario spostare la scadenza delle opere almeno al 2028»

23 Nov 2022 15:53 - di Giorgia Castelli
Musumeci

«Affidare, dopo vent’anni, a un ministro la guida e il coordinamento politico della protezione civile rappresenta una scelta di coraggio da parte del governo e del presidente Meloni. Abbiamo già un Dipartimento di protezione civile fra i più attrezzati in Europa e l’Italia è il primo Paese ad aver “inventato” la protezione civile con la coraggiosa iniziativa di Zamberletti; ma la politica deve accostarsi alle competenze tecniche e scientifiche, per essere tutti più vicini agli amministratori locali». È quanto sottolinea il ministro della Protezione civile e delle politiche del mare, Nello Musumeci, intervenendo all’assemblea nazionale dell’Anci, in corso alla Fiera di Bergamo.

Musumeci: «Molti Comuni non hanno ancora un piano di protezione civile»

«Fare politica è il più nobile fra i servizi di volontariato», premette Musumeci prima di scendere nei dettagli. «A livello intermedio, ci sono ancora ombre fra le competenze dei prefetti e quelle dei presidenti delle Province, che mi auguro possano tornare a essere eletti: la Provincia non è un dopolavoro, ma un ente di straordinaria importanza per mettere in contatto quotidiano da un lato Stato e Regioni e dall’altro i Comuni. Abbiamo bisogno di passare concretamente dalla teoria alla pratica».

Lamenta Musumeci: «Molti Comuni non hanno ancora un piano di protezione civile, il volontariato non risulta essere adeguatamente formato e attrezzato, le autorità territoriali non dialogano fra loro e gli strumenti di pianificazione non sono seguiti da piani di programmazione concreti. Abbiamo un intervento sul territorio polverizzato fra soggetti diversi e i fondi appartengono a diversi piani fra cui il Pnrr che però scadrà nel 2026 – ricorda – E manca una regia che consenta di verificare e mettere insieme le varie programmazioni. Non mancano le risorse, ma la capacità di omogeneizzare l’uso delle risorse finanziarie e l’indicazione delle priorità dei vari interventi».

Sul Pnrr, la scadenza delle opere «va spostata almeno di due anni»

Il ministro poi si chiede: «Ma come si fa in quattro anni a realizzare un’opera pubblica, a meno che si parli di interventi non complessi ma leggeri, in una nazione come l’Italia dove i processi autorizzativi impongono spesso attese di otto o dieci anni? E dunque, come si fa a restare puntuali con la scadenza del 2026 imposta dal Pnrr? Noi proponiamo di spostare la scadenza almeno al 2028».  E poi puntualizza: «Soprattutto in una economia di guerra, con l’aumento dei costi dei materiali destinati alle opere pubbliche complesse, è chiaro che due anni in più sarebbero assolutamente necessari – spiega Musumeci – C’è un dialogo aperto con l’Unione Europea e speriamo che la nostra istanza possa essere accolta; altrimenti, rischiamo di perdere questa straordinaria opportunità, soprattutto per le regioni che sono rimaste più indietro sul piano infrastrutturale come il Mezzogiorno d’Italia. Bisogna snellire, non è solo un problema di risorse, ma di procedure e di tempi», prosegue il ministro.

L’autonomia? «Sono d’accordo con Mattarella»

Poi a margine del suo intervento all’assemblea nazionale dell’Anci plaude al discorso sulla autonomia differenziata e sulla coesione fra Nord e Sud svolto ieri dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. «Sono assolutamente d’accordo con le parole espresse ieri dal Capo dello Stato».  «L’autonomia serve a responsabilizzare la classe dirigente ma non può e non deve servire a rendere più profondo il solco che divide oggi il Centro-Nord e dal Mezzogiorno d’Italia – sottolinea Musumeci – Anche le regioni settentrionali hanno bisogno di un Sud che sia forte e competitivo, le cui proiezioni guardano essenzialmente al Mediterraneo mentre il Nord è legittimato a guardare ai grandi mercati dell’Europa. Ma la diversità di interessi è una grande risorsa, perché serve a rendere più forte il sistema Italia, in una Unione Europea dove ancora gli egoismi appaiono particolarmente esasperati».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA