Putin, Nordio zittisce De Magistris: una lezione lampo. E lo erudisce su dittatori e accordi di pace (video)

22 Set 2022 13:21 - di Chiara Volpi
Nordio De Magistris

Duello in tv tra ex magistrati: ospiti in collegamento con lo studio di Omnibus su La7, si parla di guerra in Ucraina. Di invasione russa e dello scenario disumano sotto gli occhi del mondo da sette mesi a questa parte. Con Luigi De Magistris che la butta sul buonismo doc e che, calato nel ruolo, mostra a favore di telecamere il volto dell’astuzia mascherata da ingenuità candida. In nome e attraverso la quale parla di contrarietà, espressa fin dall’inizio, contro una escalation che ci sta portando ormai definitivamente in guerra, con Russia, Ucraina, Nato e Stati Uniti…». Nordio lo zittisce, senza concedere nessuna possibilità di replica.

Ucraina, Nordio zittisce De Magistris in tv

Nordio lo zittisce: «Ha fatto le stesse proposte di Chamberlain»: il primo ministro britannico che nel ’37 inaugurò la politica di fare concessioni politiche, materiali o territoriali a una potenza aggressiva, nell’intento di evitare un conflitto. Nella fattispecie di quel precedente: accettando le pretese territoriali di Hitler circa l’Austria e la regione dei Sudeti, per porre un argine alle sue mire espansionistiche e scongiurare un intervento militare contro la Germania. De Magistris non sembra avere scampo, e fin dal primo istante del suo intervento.

De Magistris fa il buonista fuori dal tempo (e dalla storia)

E nonostante prosegua rispolverando in grande stile retorico a favore di dichiarazioni come: «Io vorrei che ci fosse sempre nella vita, e in tutti i conflitti, qualcuno che cominci per primo non ad alzare il numero delle bombe. Ma a mettere a terra la mano del dialogo. Ecco io vorrei – prosegue De Magistris lanciando ad alzo zero la palla al governo che verrà – che il prossimo parlamento italiano fosse meno supino ai diktat esterni»… Insomma, una performance d’autore tipica del mainstream che Carlo Nordio respinge al mittente. Entrando nel merito degli argomenti. E inchiodando l’interlocutore ai fatti.

«La posizione del centrodestra è chiarissima»

«La posizione del centrodestra è chiarissima», incalza Nordio (Fdi) parlando della guerra in Ucraina. E spiegando che la coalizione con cui è candidato condanna senza se e senza ma le azioni di Mosca. E contrariamente alle dissertazioni universali su un pacifismo d’accatto – che De Magistris ha sviscerato in asserzioni artificiose e con insolita flemma britannica – l’ex magistrato candidato per la Camera dei deputati nel collegio uninominale di Treviso per il centrodestra e come capolista di Fdi – ricorda all’ex sindaco di Napoli che «l’aggressione del satrapo del Cremlino è contro ogni legge umana e divina».

Nordio “erudisce” De Magistris su guerra e pace

Oltre che menzionare all’interlocutore una verità incontrovertibile da sempre: «Il popolo attaccato va aiutato». Tanto che sottolinea: «L’Ucraina va difesa con le armi perché le guerre si decidono sul campo di battaglia. Quando le guerre terminano con un negoziato è o perché uno dei due ha vinto sul campo. O perché c’è stata una situazione di stallo». Fermo restando, certo, che in ogni caso, l’obiettivo e la speranza sono sempre che si arrivi alla pace. «È auspicabile che nei prossimi mesi – incalza infatti Nordio – le parti si mettano al tavolo e magari tutto resti come prima».

Nordio a De Magistris: «L’Ucraina deve essere assistita con le armi e successivamente anche con diplomazia e sanzioni»

«Una cosa è sicura – ha quindi continuato Nordio – l’Ucraina deve essere assistita con le armi e successivamente anche con diplomazia e sanzioni. L’Occidente e l’Italia in particolare devono essere schierati senza se e senza ma dalla sua parte. Le mire imperialiste di Putin sono chiarissime, le ha esposte in modo netto nel discorso del 24 febbraio, quando ha detto che l’Ucraina era un’espressione geografica frutto degli errori del comunismo leninista, che ha riconosciuto all’Ucraina una sorta di autonomia o di identità territoriale che invece prima non c’era». Cento a zero per Nordio vs De Magistris: e la palla torna al centro. Anzi: al centrodestra…

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA