Littizzetto: “La normalità è un bambino con due mamme”. E non lo ha detto come battuta (video)

12 Set 2022 13:28 - di Penelope Corrado
Littizzetto

“La normalità non è il nonno che dorme sulla poltrona, anche perché ci sono nonni che giocano tutto il giorno a briscola, ma che esistano bambini con due mamme. Tutte queste polemiche sono una mancanza di libertà: sono queste le cose che piano piano ci tolgono la libertà”. Parola di Luciana Littizzetto, riferendosi alla polemica sollevata da FdI sulla puntata del cartone animato di Peppa Pig trasmessa dalla Bbc, in cui la famiglia è rappresentata con due mamme.

Littizzetto dà lezioni sulla libertà

La comica torinese, divenuta un riferimento culturale per la sinistra a corto cultura, ha tenuto la sua lezioncina politicamente corretta al Festival della Comunicazione di Camogli, dedicato alla Libertà.
Alla Littizzetto gli organizzatori hanno assegnato il” premio Comunicazione”, i quali hanno fatto pure sapere che è la prima volta che lo assegnano a una donna in 9 edizioni. L’intellettuale autrice di capolavori della letteratura come “Ti amo, bastardo”, “Madama Sbatterflay”, “L’incredibile Urka” e “La Jolanda Furiosa” ha intrattenuto il pubblico insieme a Luca Bizzarri. I due si sono scambiati battute sulle loro rispettive carriere tra aneddoti anche sulle querele ricevute e gli episodi della loro vita privata.

Per la Littizzetto, chi pone obiezioni “vuole sgraffignare la nostra libertà”. E con l’occasione tiene anche una lezione di storia dell’arte.   “La statua della Libertà che rappresenta una donna che cammina, ci dice che la libertà è un qualcosa in movimento, è un qualcosa che abbiamo adesso e che deve essere coltivata, occorre farla camminare e farla crescere” ha detto ancora la comica incalzata da Luca Bizzarri. Nonostante le sollecitazioni e alcune battute non parla di politica direttamente, per non violare la par condicio. Ma non perde occasione per ironizzare su Gasparri, su un sindaco di un paese del centro Italia che “voleva querelare”, non posso dire di che partito era, ma era un “paracadutista”, sentenzia serafica: “Benedico il Signore di non essere in onda, noi riprendiamo il 9 ottobre, chiedetevi perché”. Altri telespettatori. si chiedono semmai, perché la Littizzetto va in onda sulla Rai. Ma questa è un’altra storia.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA