M5S, ancora un altro addio: anche la Dieni abbandona Conte: «Il Movimento non esiste più»

1 Ago 2022 13:29 - di Milena Desanctis
M5s

Un altro addio nel M5s. Dopo quello dell’ex capogruppo alla Camera dei pentastellati, Davide Crippa, e di Federico D’Incà, ministro per i Rapporti con il Parlamento, anche Federica Dieni lascia il Movimento. «Oggi, pur con profondo rammarico, cristallizzo la mia decisione di lasciare il M5s», annuncia la deputata e vicepresidente del Copasir. «È da tempo che le decisioni che vengono prese dai vertici non mi appartengono più – sottolinea l’ormai ex deputata pentastellata – Erano ormai troppe le scelte non condivise a cui mi sono attenuta per mera disciplina di partito, ma che hanno determinato in me un profondo disagio interiore e uno scollamento rispetto ad un progetto in cui non posso riconoscermi».

M5s, l’addio di Federica Dieni

«Chi ha seguito la mia azione politica sa che non ho mai nascosto il mio disaccordo riguardo a molti temi cruciali che hanno toccato questioni importanti in ambito nazionale e locale. Ho condotto le mie battaglie a viso aperto – continua – Ho tentato, dall’interno del Movimento, di portare avanti un confronto costruttivo, ma ogni volta che ho intrapreso la via del dialogo ho trovato solo un muro». «Un’idea ondivaga in politica estera, un utilizzo strumentale delle tematiche sociali, l’esasperante tatticismo che si è tradotto in una gestione barcollante della crisi di governo sono stati solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso», prosegue.

«Il M5s non esiste più»

«Ho aspettato il termine della legislatura per rispettare il voto degli elettori – aggiunge Dieni – So che alcuni critici sosterranno che questa mia decisione è dettata dalla rinuncia alla deroga sul limite dei due mandati. La realtà è che la mia distanza dall’attuale vertice era nota da tempo, sin dal precedente governo. Ora è il momento di essere sinceri, soprattutto con se stessi, e trarne le conseguenze. In qualunque modo la si voglia giustificare, la realtà è che il Movimento 5 Stelle non esiste più».

Dieni: «Non rinuncio alla politica»

E poi ancora. «Ringrazio Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio per la grande opportunità che mi hanno dato nel consentirmi di servire il mio Paese in Parlamento e i tanti colleghi con cui ho condiviso importanti battaglie e, soprattutto, un’idea di cambiamento», prosegue Dieni.

«Non rinuncio alla politica – conclude – e continuerò a farla da cittadina, così come avevo iniziato, ripartendo dai problemi reali delle persone e dal mio territorio, con la stessa passione che mi ha sempre accompagnato».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA