Il caso Chico Forti grida vendetta: figuraccia Di Maio. Il suo rientro sia prioritario per il prossimo governo

20 Ago 2022 16:31 - di Hoara Borselli
Chico Forti

Un incubo che dura da vent’anni quello di Chico Forti, Connazionale trentino, produttore televisivo ed ex velista, condannato all’ergastolo nel 2000 dal tribunale della Florida per omicidio nel 1998. Un delitto per il quale Forti si è sempre detto innocente. “Vittima di un errore giudiziario”, quello che ha sempre sostenuto l’imprenditore italiano in questi vent’anni. A ridosso di Natale 2020 l’annuncio beffa del ministro degli Esteri Luigi Di Maio –Non lo lasceremo solo” – annunciandone l’imminente ritorno, dove dava ormai per certo il rientro in Italia del producer italiano. Ad oggi ancora nessuna risposta, la pratica per l’estradizione è ferma da 18 mesi e Chico ancora lancia un messaggio di speranza dalle colonne della Stampa: “Sono innocente, confido nelle promesse di DiMaio e della Cartabia”.

Chico Forti e le parole al vento di Di Maio

Caro Chico, sono passati due anni dall’annuncio di Di Maio che diceva ti avrebbe riportato in Italia, purtroppo hai confidato nelle persone sbagliate. Quelle promesse sono rimaste disattese mentre emergono forti le parole di ringraziamento da parte di Chico verso i milioni di italiani che non lo fanno sentire solo. In questo senso sono significative anche le parole di Marco Mazzoli, dj di 105 e suo amico; “Chico è una forza della natura, vive e sopravvive perché ha una grande fiducia nel governo e nella giustizia ma ultimamente inizia ad accusare”. Un vero e proprio stillicidio in cui un cittadino italiano è condannato; e che sembra sempre sul punto di avere un risvolto positivo e poi si incancrenisce in punti ciechi senza evoluzioni. Di Maio sulla vicenda si è espresso nell’ultimo question time del 1 Giugno proprio sulla vicenda Forti.

Dopo il 25 settembre il suo rentro in patria sia una priorità

Parole al vento che rimandano alla faraginosa burocrazia che non hanno lasciato nessun segno tangibile sulla concretezza del ritorno del producer. Disattendendo le speranze di un uomo che si professa innocente e della sua famiglia. Mi auguro che dopo il 25 Settembre chiunque sarà alla
guida del Paese ponga il tuo rientro come priorità assoluta. Chico Forti deve tornare in Italia al più presto.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA