Il borotalco e il rischio di tumori: la J&J ritira i prodotti dopo un’ondata di 40mila cause legali

12 Ago 2022 15:16 - di Marta Lima

Il colosso Johnson & Johnson ha deciso che interromperà dal prossimo anno la vendita in tutto il mondo del suo borotalco. La decisione è legata alle troppe cause legali che l’azienda deve affrontare, oltre 40mila, per il presunto legame tra il prodotto e i tumori ovarici e il mesotelioma. La società sta intanto passando a prodotti simili per i bambini a base di amido di mais, anche se J&J continua a ritenere sicuro il suo talco prodotto per decenni.

Il borotalco e il rischio tumori, accuse e sentenze contro J&J

«Continuiamo a valutare e ottimizzare il nostro portafoglio per essere meglio posizionati per la crescita di lungo termine, Questa transizione aiuterà a semplificare la nostra offerta di prodotti» afferma la società.

A febbraio un tribunale del News Jersey aveva accolto la richiesta di fallimento di J&J dovuta alla necessità di gestire le cause legate al talco. Nel 2018 una giuria del Missouri aveva condannato l’azienda a 4,7 mld di dollari dopo che 22 donne avevano accusato J&J di aver usato l’amianto nel talco e nei prodotti per l’infanzia provocando il cancro alle ovaie.

La decisione, oltre che alle cause milionarie, è dovuta anche ad altri problemi legali: l’azienda è stata infatti condannata a pagare  milioni di dollari a diversi stati, insieme ad altri grandi distributori di farmaci, per la loro responsabilità nella crisi degli oppioidi.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA