Conte si mette nelle mani di Grillo: «Abbiamo fatto pace». Messaggio al Pd: tenetevi Di Maio

8 Ago 2022 12:22 - di Liliana Giobbi
conte

Anche Giuseppe Conte si prende la sua personale vendetta col Pd. Tutto si gioca sulle “porte”: il M5S è stato sbattuto fuori dalla porta. E ora dice che il Pd si è chiuso le porte da solo. Quindi (almeno per ora) non ci sono possibilità di accordo, nemmeno uno straccio d’intesa. È il gran rifiuto del rifiutato. «Noi siamo persone serie, i giochetti o i balletti non ci piacciono. Andiamo orgogliosamente da soli», ha detto Conte, ospite a Radio Capital. In questo modo ha ribadito che i 5Stelle non cercheranno di riallacciare i rapporti con il Pd per costruire un’alleanza elettorale. «Noi nelle ammucchiate non entriamo», ripete a Morning news su Canale5. «Entrare in una coalizione in cui c’è tutto e il contrario di tutto, per aiutare qualcuno che è rimasto fuori dalle danze non ci interessa. Il Pd ha dimostrato di preferire la ridente forza politica di Di Maio e Tabacci».

Conte e il Pd, l’amore è finito

Porte chiuse quindi? «Il Pd si è chiuso le porte da solo, si è messo in imbarazzo da solo. Noi oggi non siamo stizziti, abbiamo constatato che con il Pd non c’era un progetto sociale adeguato». E ancora: «Nell’ultimo decreto del governo Draghi, quello aiuti bis ci sono per i lavoratori 6-8 euro in più al mese. Una misura che consideriamo inadeguata. Adesso il Pd ci propone una agenda Draghi. Non ci sono proprio i presupposti politici programmatici per tornare ad una alleanza».

La questione dell’agenda Draghi

«Per noi, i 9 punti presentati a Draghi prima della crisi, restano urgenze del Paese. Il salario minimo a 9 euro l’ora, la stabilizzazione dei contratti determinati, questa non è la nostra agenda. Sono temi e questioni prioritarie del paese. Erano cose su cui volevamo confrontarci. Il risultato è stato, “via il M5S”. In questi contesti, con queste coalizioni, che fiducia possono avere gli elettori?», si chiede Conte.

Conte dà un ceffone a Di Maio

Parlando poi di Luigi Di Maio, Conte aggiunge: «Mi dispiace per la parabola che sta compiendo. Sentirlo abiurare e rigettare alle ortiche i principi e valori sulla base dei quali sono entrato in politica mi provoca profonda tristezza».

…e si affida a Grillo

«Con Grillo ci sentiamo spesso, tutti i giorni. Ci confrontiamo in questa fase particolarmente delicata. Abbiamo fatto pace da tantissimo tempo. Quell’incomprensione iniziale è stata superata, siamo concentrarti sulle cose giuste per il paese. Cerchiamo di offrire una proposta seria credibile che possa cambiare il paese».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA