Attentato contro un bus a Gerusalemme, 8 feriti, morto un neonato. Hamas: “Gesto eroico”

14 Ago 2022 13:16 - di Davide Ventola
Gerusalemme, attentato

Si è consegnato stamane alle forze di sicurezza l’uomo sospettato di aver compiuto in Israele un attentato terroristico sparando contro un autobus a Gerusalemme sabato sera nei pressi della Tomba di Re Davide e un parcheggio della zona, situato vicino al Muro Occidentale. Lo riporta il Jerusalem post. Un neonato è morto e almeno otto persone sono state ferite, di cui due in modo grave e cinque in modo lieve. La caccia all’uomo è proseguita per tutta la notte secondo quanto riferito da un portavoce della Polizia di Israele. Il sospetto è stato interrogato e gli è stata confiscata la pistola.

Hamas esulta per l’attentato di Gerusalemme

Si chiama Amir Sidawi, palestinese di 26 anni in possesso di carta di identità israeliana, il giovane che si è costituito in taxi stamani dopo 6 ore di caccia all’uomo alla polizia israeliana attribuendosi la responsabilità dell’attentato sul bus nella città vecchia di Gerusalemme sparando a caso intorno all’1.30 sui passeggeri, facendo un morto e otto feriti. A perdere la vita il bambino nato, con un parto d’urgenza, dalla donna incinta rimasta ferita nell’attacco. Le condizioni della madre restano gravi. I feriti sono quasi tutti turisti americani che erano arrivati a Gerusalemme da pochi giorni.

Hamas rivendica con orgoglio “l’attacco eroico” al bus che considera “risposta naturale ai crimini quotidiani dell’occupazione contro la nostra gente, il nostro Paese e i grandi siti musulmani e cristiani”.

Il terrorista costretto a consegnarsi dopo il blitz delle forze israeliane

Secondo i media, lo Shin Bet e la polizia hanno identificato Sidawi come l’autore quasi subito dopo l’attacco, ma non sono riusciti a rintracciarlo. Nel frattempo, hanno fatto irruzione nelle case dei membri della sua famiglia e hanno arrestato tre dei suoi parenti, inclusa sua madre, che si ritiene abbia convinto Sidawi a costituirsi.

Fonti della sicurezza israeliana ha detto ai media che Sidawi non è affiliato ad alcun gruppo terroristico e si ritiene che abbia compiuto l’attacco di propria iniziativa. Sebbene avesse precedenti penali, non aveva precedenti reati terroristici.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA