Milano, perquisito a un posto di blocco il calciatore Bakayoko (video): accuse di razzismo alla polizia

18 Lug 2022 13:07 - di Leo Malaspina

Sta suscitando molte polemiche sui social un video in cui il calciatore del Milan Tiémoué Bakayoko, con le mani su una volante, viene perquisito da un poliziotto, mentre una collega punta la pistola contro la sua auto di grossa cilindrata. A un certo punto un terzo agente sopraggiunge e dice qualcosa al collega, che interrompe i controlli e dà due pacche sulla spalla al centrocampista francese di origini ivoriane. Immediate sono scattate sui social le accuse di razzismo nei confronti della polizia…

Bakayoko e le accuse di razzismo alla polizia

“Se hai la pelle chiara, certe cose non ti succedono”, “che un privato cittadino di colore che sfoggia un macchinone possa essere perquisito financo nelle parti intime con le pistole puntate, fino a quando non si accorgono che è un calciatore multimilionario, è inquietante”, “la Ferragni aveva ragione: troppa violenza a Milano”, alcuni dei commenti polemici che si leggono su Twitter.

La Questura: “Tutto regolare, stavamo indagando su spari”

La Questura, tuttavia, spiega che la volante si è comportata “secondo procedura corretta”. Il fatto – riferiscono da via Fatebenefratelli – risale alla sera del 3 luglio, in zona corso Como. Era da poco passata la mezzanotte, quando all’uscita dei locali, alcune persone sentono dei colpi di arma da fuoco, che si riveleranno poi esser stati sparati da una pistola ad aria compressa, con pallini in plastica. Al 113 – prosegue la ricostruzione della polizia – viene segnalato un suv di grossa cilindrata, con a bordo due centrafricani, uno dei quali con addosso una maglia verde. Viene diramata la nota radio e gli agenti si mettono a cercare i sospettati. E’ allora che l’auto di Bakayoko, vestito come da segnalazione e in compagnia di un altro uomo, viene fermata e controllata. Il poliziotto procede alla perquisizione, senza rendersi conto che si tratti del calciatore del Milan e appena se ne accorge, conclude l’intervento”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA