Marocchino armato di forbici minaccia autista e passeggeri: la furia su un bus a Firenze

24 Lug 2022 19:15 - di Redazione
marocchino

“Ti vengo a cercare e ti accoltello“. Follia su un bus. Un marocchino armato di forbici le ha  infilate nel cruscotto, ha iniziato a branderle prendendo a calci le porte e semionado il panico tra i passeggeri. E’ accaduto a Firenze. Quando l’autista del bus di linea si è trovato faccia a faccia con il marocchino armato di forbici ha tentato di ricondurlo alla ragione. Ma  lo straniero è andato in escandescenze : “Ho chiamato la polizia che è arrivata dopo 3-4 minuti, durante i quali lui ha preso a calci le porte minacciando tutti. I passeggeri si sono spaventati molto, soprattutto una signora che poi ha testimoniato con le forze dell’Ordine”, racconta la vittima alla cronista del quotidiano La Nazione.

Marocchino brandisce le forbici e minaccia l’autista del bus

Ancora un’aggressione e un tentativo di violenza che poteva costare caro al conducente e ai passeggeri. Come in tanti altri casi in tutta Italia. Stavolta il panico è scoppiato su un autobus di linea, a Firenze. L’autista, conducente di Autolinee Toscane, ha preferito mantenere l’anonimato temendo ritorsioni. “Sono arrivato alle Piagge con il 56 intorno alle 6.25 – ricorda – quando è salita questa persona senza mascherina. Ha subito iniziato a discutere con un passeggero che gli chiedeva di indossarla”. A quel punto, l’autista ha tentato di placare gli animi.  “Ho provato a usare i buon senso – spiega – e al 33enne ho detto: ‘sono le sei del mattino, queste persone stanno andando a lavorare. Per favore, finiscila”.

Il racconto del conducente faccia a faccia col marocchino

Ne anche a dirlo che lo straniero, seppur dalla parte del torto, s’infuria fino a perdere il controllo: “Invece di smettere ha iniziato a minacciarmi – prosegue l’autista – Ha detto che mi avrebbe seguito al capolinea per accoltellarmi e ha proseguito con ‘qui non siamo a Napoli ma a Firenze’ avendo capito la mia origine dall’accento” A quel punto ho preso il telefono in mano sperando che tornasse a posto. Si è allontanato e ha continuato a togliersi la mascherina”.

“In tanti anni, mai capitata un’aggressionecosì violenta”

“In tanti anni di servizio, non mi era mai capitata un’aggressione così violenta”, ha dichiarto alla Nazione il conducente. Che  ha dovuto gestire il 33enne marocchino armato di forbici, poi denunciato per minacce, danneggiamento aggravato e interruzione di pubblico servizio. Il conducente è rimasto visibilmente scosso, tanto che preferisce riservarsi l’anonimato: l’uomo ha infatto minacciato di andarlo a cercare. “A quel punto si è alzato di nuovo – continua – ha estratto dallo zaino un attrezzo, che poi ho capito essere un paio di forbici da lavoro, e le ha conficcate nel cruscotto del bus, ricominciando a minacciarmi. Allora ho chiamato la polizia che è arrivata dopo 4-5 minuti, durante i quali ha preso a calci le porte, minacciando tutti. I passeggeri si sono spaventati molto, soprattutto una signora che ha poi testimoniato con le forze dell’ordine”.

Per continuare a leggere l'articolo sostienici oppure accedi

SUGERITI DA TABOOLA