Il regista canadese Paul Haggis torna libero, revocati i domiciliari. La decisione del gip

4 Lug 2022 20:25 - di Redazione
Paul Haggis

Torna libero regista canadese Paul Haggis. Il gip del tribunale di Brindisi Vilma Gilli ha accolto la richiesta, presentata dalla difesa, di revoca degli arresti domiciliari a carico del regista 69enne, sottoposto a fermo di indiziato di delitto domenica 19 giugno scorso con le accuse di violenza sessuale aggravata e lesioni personali aggravate su una donna inglese di 28 anni. Gli abusi, secondo l’accusa, sarebbero avvenuti in un B&B di Ostuni dove il cineasta si trovava per partecipare a un festival.

Torna libero il regista canadese Paul Haggis

Il premio Oscar si era difeso nell’interrogatorio per la convalida del fermo parlando di rapporti consensuali. Il fermo non era stato convalidato ma a suo carico era stato emesso un provvedimento di arresto ai domiciliari. Decisivo si sarebbe rivelato il lungo incidente probatorio dello scorso 29 giugno svoltosi nel tribunale della città pugliese durante il quale la presunta vittima è stata ascoltata dal gip.

«Assenza di contegni violenti costrittivi»

Come si legge su Ansa.it, la gip di Brindisi Vilma Gilli nel provvedimento di revoca della misura cautelare scrive che il racconto della 28enne inglese, «non solo ha confermato l’assenza di contegni violenti costrittivi da parte dell’indagato al fine di consumare gli atti sessuali, ma ha rivelato una complessa vicenda che sfuma l’originario giudizio espresso nella ordinanza» che aveva disposto gli arresti domiciliari per il regista, e cioè la «incapacità di Haggis di resistere ai propri istinti sessuali».

La difesa: «Sarà acclarato che Haggis non ha commesso alcun reato»

Sul sito Ansa.it poi si legge ancora anche quanto detto dalla difesa. «Siamo certi – ha detto l’avvocato Michele Laforgia – che in tempi altrettanto brevi sarà definitivamente acclarato che Haggis non ha commesso alcun reato ed è completamente innocente rispetto alle gravi accuse mosse nei suoi confronti, come abbiamo sempre detto».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA